Contratti Bancari

L’azione cambiaria prescrittasi prima che quella causale sia avviata

Cass., 25 luglio 2013, Sez. I, n. 18076 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in commento (Cass. 18076/2013) affronta la questione del coordinamento tra l’esercizio dell’azione causale da parte del portatore del titolo e le prescrizioni delle azioni cartolari nascenti dal titolo.

I giudici di legittimità, in conformità al precedente orientamento espresso con sentenza n. 15681/2011 e interpretando gli artt. 66, 3° co. e 94, 3° co. l. camb., hanno ritenuto che le azioni  cartolari dirette e di regresso spettanti al portatore del titolo possono essere esperite fin tanto che vi sia la disponibilità del titolo da azionare, e non sia decorso  il termine triennale o annuale di prescrizione.

Invece, le azioni cartolari dei giranti gli uni contro gli altri, possono essere esercitate soltanto ove paghino il titolo, oppure ove contro di essi sia stata esercitata azione di regresso. Tuttavia, anche in tal caso, è necessario tener conto del termine triennale di prescrizione previsto per l’azione cartolare spettante al portatore.

Pertanto, l’azione causale spettante al portatore del titolo, ex art. 66, 3° co. l. camb., dovrà essere respinta ove esperita trascorso il termine per l’azione cartolare diretta nei confronti dell’emittente, nonché quello per l’azione spettante al portatore contro i giranti.

(Carmela Precipe – c.prencipe@lascalaw.com)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

La Corte di Cassazione ha ribadito le differenze tra mutuo di scopo e mutuo fondiario. I ricorre...

Contratti Bancari

La legge 23 luglio 2021, n. 106, di conversione con modifiche del c.d. decreto “Sostegni bis...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

Recentemente, la Corte d’Appello di Venezia, ha rigettato le contestazioni formulate dagli appell...

Contratti Bancari

X