L’applicazione dell’art. 115 c.p.c. nell’opposizione allo stato passivo

Con l’ordinanza in commento la Corte di Cassazione ha sancito che il principio indicato nell’art. 115, secondo comma, c.p.c. deve applicarsi anche al caso in cui il Fallimento resistente in una opposizione allo stato passivo non provvede a contestare la tempestività del ricorso introduttivo.

In particolare, a seguito del rigetto parziale di una domanda di insinuazione, un creditore aveva proposto impugnazione ai sensi dell’art. 98 L.F. limitandosi ad indicare nell’atto introduttivo del giudizio la data di ricezione dello stato passivo esecutivo, senza allegare la copia della comunicazione fatta dal Curatore ex art. 97 L.F.

Il Tribunale dell’opposizione dichiarava inammissibile l’opposizione, sostenendo che il creditore opponente non avesse dimostrato la tempestività della propria iniziativa processuale.

La Suprema Corte, in accoglimento del motivo di impugnazione proposto dal creditore, ha cassato la sentenza resa dal Tribunale a definizione del giudizio di opposizione, evidenziando che il Collegio di merito ha erroneamente mancato di applicare al caso di specie la regola di diritto prevista dall’art. 115 c.p.c.

Tale disposizione normativa, infatti, prevede che il giudice deve porre a fondamento della propria decisione i fatti che nel corso del giudizio non sono specificatamente contestati dalla controparte.

Ebbene, nel caso di specie il Fallimento – nella propria comparsa di costituzione nel giudizio di opposizione allo stato passivo – nulla aveva contestato riguardo alla tempestività del ricorso, con la conseguenza che il Tribunale avrebbe dovuto ritenere provata la data indicata dal creditore nel proprio ricorso in cui lo stato passivo esecutivo gli era stato comunicato.

Sulla scorta di tali rilievi, la Corte ha cassato il decreto impugnato, rinviando al Tribunale di merito affinché decida nel merito attenendosi ai principi espressi.

Cass., Sez. VI, 10 giugno 2021, n. 16306

Federico Iannucci – f.iannucci@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
responsabilità degli amministratori

Cari Lettori, nella Gazzetta Ufficiale n. 202 del 24 agosto 2021 è stato pubblicato il D.L...

Crisi e procedure concorsuali

“Qualora una banca intenda far valere un credito derivante da un rapporto di conto corrente deve ...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

È importante per i creditori capire quando un debitore possa ricorrere all’istituto dell’esdeb...

Crisi e procedure concorsuali

X