Diritto Processuale Civile

La violazione del termine previsto dall’art. 201 c.p.c. non determina decadenza dalla facoltà di nomina del CTP

Il Tribunale di Milano, con ordinanza del 18 settembre 2012 ha respinto l’istanza di declaratoria di decadenza della nomina del c.t.p., presentata dal difensore di parte attrice per mancato rispetto del termine assegnato dal giudice per il compimento dell’atto, ovvero cinque giorni prima dell’inizio delle operazioni peritali, risultando la nomina avvenuta nel periodo di sospensione feriale dei termini processuali.

Secondo il Tribunale: “Il termine disciplinato dall’art. 201 c.p.c. ha natura ordinatoria ed è previsto al fine di rendere edotti il giudicante, il c.t.u. e tutti i contraddittori della generalità dei soggetti aventi diritto ad assistere ex art. 194 c.p.c. alle operazioni peritali, nonché di consentire alle altre partì processuali l’esercizio dei diritti di difesa; ne consegue che la violazione del termine previsto dall’art. 201 c.p.c. non determina decadenza dalla facoltà di nomina del CTP dove non risultino essere lesi in alcun modo il regolare decorso temporale del procedimento, il governo delle operazioni peritali da parte del giudicante e del nominato c.t.u., né i diritti di difesa delle altre parti (cfr. Cass. ord. n. 6895/2003)”.

(Carmela Prencipe – c.prencipe@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

La Corte Costituzionale è stata investita, sul finire del 2020, del tema della celebrazione dell’...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

In caso di mancata partecipazione del procuratore di una parte all’udienza di precisazione delle c...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Con la legge 18 dicembre 2020, n. 176 di conversione, con modificazioni, del D.L. 28 ottobre 2020, n...

Diritto Processuale Civile

X