L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

La sospensione del pagamento dei canoni

Il caso concreto oggetto della sentenza della Corte di Cassazione riguarda la scoperta, in un immobile dato in locazione, di una servitù di alcuni cavi elettrici posti ad una profondità inferiore a quella prescritta per legge. Questo vizio non appariva in alcun modo accertabile e riconoscibile dal conduttore al momento in cui entrò in possesso dell’immobile locato.

La presenza dei cavi poneva il conduttore in una oggettiva situazione di pericolo data la concreta possibilità di essere folgorato dagli stessi.

La gravità della situazione era tale da determinare l’assoluta inutilizzabilità dei locali, almeno fino a quando la proprietà non fosse intervenuta nella rimozione dei cavidotti, eliminando la situazione di grave pericolo in essere e futuro.

In ragione di ciò, il conduttore sospendeva il pagamento dei canoni di locazione.

La Cassazione con la sopra indicata sentenza dà ragione al conduttore affermando ancora una volta il consolidato principio di diritto secondo il quale la sospensione del canone è pienamente legittima in tutte le ipotesi di impossibilità totale del godimento del bene.

Cass., Sez. III, 3 maggio 2016, n. 8637 (leggi la sentenza)

Giovanni Davide Bertolig.bertoli@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La rivincita del promissario acquirente

Uno dei presupposti per richiedere la risoluzione di un contratto di locazione ad uso non abitativo,...

Contratti

L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

Due sposi, delusi dal pranzo di nozze, decidevano di non pagare il ristoratore. La Corte di Cassazio...

Contratti

Vado a stare da papà

In presenza di una scrittura privata, la parte può scegliere tra la possibilità di disconoscerla e...

Contratti

X