Diritto dell'esecuzione Forzata

La sentenza d’appello che confermi la sentenza di primo grado già esecutiva costituisce il titolo in forza del quale notificare l’atto di precetto

Cass. Civ., 7 febbraio 2013, Sez. III, n. 2955

Massima: Deve essere ribadito che la cassazione della sentenza di secondo grado non fa rivivere l’efficacia di quella di primo grado confermata o riformata. (leggi la sentenza per esteso) 

La sentenza della Corte di Cassazione in commento ha stabilito il principio giuridico in forza del quale chi intende instaurare la procedura esecutiva dopo l’emissione della sentenza d’appello che conferma quella di primo grado già esecutiva deve notificare quale titolo esecutivo la sentenza d’appello e, nell’intimare il precetto deve indicare quale titolo giustificativo della pretesa esecutiva la sentenza d’appello.

La Suprema Corte giunge a tale conclusione sulla base del presupposto che la sentenza d’appello, ad eccezione dei casi di inammissibilità, improponibilità ed improcedibilità dell’appello, sostituisce la sentenza di primo grado sia in caso di riforma che in caso di conferma della stessa.

(Filippo Basile – f.basile@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Dopo il pagamento del decreto ingiuntivo, niente esecuzione per le spese successive

Nel caso in cui il debitore estingua il proprio debito, comprensivo degli interessi e delle spese pr...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Esecuzione forzata, al via le modifiche introdotte dal decreto semplificazioni pignoramento: attenti alla nota?

Il 13 febbraio è entrata in vigore la legge di conversione del Decreto Legge 14 dicembre 2018 n. 13...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Pignoramento dei diritti parziari: obbligo o facoltà?

È facoltà del creditore ipotecario agire in via esecutiva direttamente e nei soli confronti del pr...

Diritto dell'esecuzione Forzata