Crisi, Restructuring e Utp

La semplice omissione delle informazioni nella fase di negoziazione di strumenti finanziari non costituisce causa di annullamento dell’operazione stessa

Trib. Torino, 5 marzo 2012

Massima: “Nell’ambito della prestazione dei servizi di investimento “la semplice omissione delle doverose informazioni, concretizzandosi in un mero silenzio, consente di annullare il contratto soltanto quando si inserisca in un comportamento più complesso, adeguatamente preordinato con malizia o astuzia a indurre in errore, mentre non costituisce causa invalidante la semplice inerzia della parte che si limiti a non contrastare la percezione che l’altro contraente abbia della realtà sia pure con riguardo a elementi salienti dell’accordo (cfr. Cass. 15.3.2005 n. 5549 e Cass. 20.4.2006 n.9253)” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Un’opportunità di chiarezza circa le differenze intercorrenti tra due istituti giuridici: la revo...

Crisi e procedure concorsuali

Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

Una recente pronuncia del Tribunale di Lecco chiarisce nuovamente le condizioni di ammissibilità al...

Crisi e procedure concorsuali

X