Diritto Processuale Civile

La riduzioni dei compensi degli avvocati

Trib. Varese, 26 settembre 2012, Sez. I

Massima: “Appare manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 9 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, così come modificato dalla legge di conversione 24 marzo 2012, n. 27, nella parte in cui si applicano anche ai processi pendenti i nuovi criteri per la liquidazione delle spese processuali, introdotti dal decreto del ministro per la Giustizia 20 luglio 2012, n. 140. Il decreto del ministero della Giustizia 20 luglio 2012 n. 140, infatti, all’articolo 1 comma settimo, espressamente prevede che «in nessun caso le soglie numeriche indicate, anche a mezzo di percentuale, sia nei minimi che nei massimi, per la liquidazione del compenso, nel presente decreto e nelle tabelle allegate, sono vincolanti per la liquidazione stessa». Ciò vuol dire che, motivatamente, il giudice che reputi incongruo il compenso, in conseguenza dell’effetto retroattivo della nuova normativa, semplicemente può non applicarla e ricalcolare il compenso secondo i vecchi criteri, spiegando le ragioni per cui adotta la soluzione de qua; si tratta, cioè, di guardare alle vecchie regole come canoni orientativi adottando una interpretazione adeguatrice, secundum constitutionem.” (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in oggetto affronta il tema delle riduzioni dei compensi degli avvocati introdotte tramite i nuovi parametri per la liquidazione delle parcelle ai sensi D.M. 140/12.

Il Giudice ha sul punto evidenziato che l’art. 1, comma VII, del D.M. n.140/12 stabilisce il carattere non vincolante delle soglie numeriche di tali parametri.

Sulla base di ciò questi ha, quindi, statuito che, ove il Tribunale reputi incongruo il compenso, per esempio in conseguenza dell’effetto retroattivo della nuova normativa, semplicemente potrebbe non applicarla e ricalcolare il compenso secondo i vecchi criteri, spiegando le ragioni per cui adotta la soluzione de qua.

(Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Il provvedimento col quale il giudice dell'esecuzione, a conclusione della fase sommaria di opposizi...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

La revoca del decreto cautelare emesso inaudita altera parte, determina la caducazione con effetto e...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Il professionista delegato, in virtù dei poteri di delega ex art. 591 bis c.p.c., può assegnare al...

Diritto Processuale Civile

X