Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

La revocatoria delle rimesse bancarie a seguito del D.L. 35/2005

Ai fini dell’esperimento dell’azione revocatoria, “se il pagamento consiste in una rimessa bancaria, non occorre più verificare se essa è pervenuta su un conto passivo “scoperto”, quanto piuttosto verificare se vi sia stata una attività di riduzione del saldo passivo effettuata in modo “durevole” e “consistente””.

Il Tribunale di Reggio Emilia, chiamato a decidere una controversia fra la Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. e la 3P Plastic S.r.l., ha dichiarato inefficaci per effetto di revocatoria fallimentare le rimesse bancarie intervenute sul conto aperto presso la Banca, poiché avevano ridotto il saldo passivo in modo “durevole” e “consistente”.

Secondo la pronuncia in esame, “con tali termini il legislatore ha voluto indicare che la riduzione dell’esposizione debitoria deve essere stata progressiva e tendenzialmente unidirezionale (ossia verso la diminuzione del debito bancario) e di ammontare non trascurabile, avuto riguardo all’ammontare delle rimesse ed all’interesse della massa fallimentare al recupero delle somme andate a beneficio di un solo creditore (banca), anziché di tutti”.

Ai fini dell’esatta determinazione del “periodo sospetto”, il Tribunale ha fatto riferimento all’applicazione di quanto statuito dall’art. 16 L.F. e, versandosi in tema di azione proposta ai sensi dell’art. 67, co. 2, L.F., il periodo rilevante è di sei mesi e detto arco temporale decorre a ritroso dall’iscrizione della sentenza di fallimento nel registro delle imprese, momento dal quale la stessa produce effetti nei confronti dei terzi.

Tribunale di Reggio Emilia, 13 maggio 2016 (leggi la sentenza)

Riccardo Abbagnato – r.abbagnato@lascalaw.com

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
responsabilità degli amministratori

Cari Lettori, nella Gazzetta Ufficiale n. 202 del 24 agosto 2021 è stato pubblicato il D.L...

Crisi e procedure concorsuali

“Qualora una banca intenda far valere un credito derivante da un rapporto di conto corrente deve ...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

È importante per i creditori capire quando un debitore possa ricorrere all’istituto dell’esdeb...

Crisi e procedure concorsuali

X