Responsabilità Civile

La prova del danno con riparazioni antieconomiche

Cass., Sez. VI Civile, 17 luglio 2015, n. 15087

La Corte di Cassazione, sez. VI Civile, con ordinanza del 17 luglio 2015, n. 15087 ha ritenuto condivisibile il ragionamento operato dai giudici del merito rispetto alla prova del danno le cui riparazioni siano antieconomiche.

II ricorrente, infatti, aveva si depositato il preventivo delle riparazioni, ma solo per dimostrare la loro eventuale antieconomicità, ovverossia che per riparare il veicolo si sarebbe resa necessaria una somma pari al prezzo di acquisto di un motociclo nuovo dello stesso tipo, e ha conseguentemente richiesto che il motociclo gli venisse pagato per nuovo.

I giudici di primo e di secondo grado hanno allora rilevato che per la corresponsione di un danno patrimoniale pari al prezzo di acquisto di un motociclo nuovo era indispensabile la prova della rottamazione del veicolo danneggiato. Delle due, infatti, l’una: o il danneggiato produce il preventivo e fa eseguire le riparazioni, richiedendo poi quanto speso a tale fine, oppure dispone la demolizione del veicolo e chiede la liquidazione del valore del motociclo stesso.

24 luglio 2015

Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Vado a stare da papà

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso di un supermercato a cui era stato ingiunto il pagame...

Responsabilità Civile

Vado a stare da papà

Con l’ordinanza n. 27703/20, depositata il 3 dicembre, la Corte di Cassazione ha definito i limiti...

Responsabilità Civile

Con una recente ordinanza, la Corte di Cassazione è tornata a trattare il tema, sempre attuale, del...

Responsabilità Civile

X