Vigilanza

La prevenzione del riciclaggio nel settore finanziario – il ruolo della Banca d’Italia (A. M. Tarantola)

Il Vice Direttore Generale di Banca d’Italia, Anna Maria Tarantola, ha affrontato il tema del ruolo dell’Autorità nel fenomeno della prevenzione del riciclaggio in una lezione tenuta lo scorso 10 maggio agli studenti della Scuola Superiore dell’economia e delle finanze.

Il riciclaggio consiste in tutte le attività volte al trasferimento o alla conversione di denaro o altri beni, allo scopo di occultarne o dissimulane la provenienza criminosa ed è un reato caratterizzato da una particolare pericolosità sia economica che sociale: è lo strumento per rendere profittevoli i reati patrimoniali. A livello mondiale il FMI ha stimato che il riciclaggio assommi a circa il 5% del PIL.
Negli ultimi anni la collaborazione internazionale è stata rafforzata: la creazione – sulla scorta delle regole del Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (GAFI) – di Financial Intelligence Units nazionali consente la condivisione internazionale in forma rapida delle informazioni concernenti le segnalazioni di operazioni sospette.
Gli operatori sono chiamati ad effettuare un’ “adeguata verifica” dei propri clienti, a individuare il profilo economico e, alla luce di questo, a valutare con attenzione le singole proposte allo scopo di rifiutare quelle che appaiano riconducibili a riciclaggio e segnalarne all’Autorità.

In Italia, la disciplina dettata con il d.lgs. 231/2007, di attuazione della direttiva comunitaria 2005/60/CE, rispecchia la strategia elaborata a livello internazionale.
Rispetto al passato, le regole di identificazione e verifica dei clienti sono state rese più stringenti, gli obblighi di segnalazione delle operazioni sospette sono stati confermati e rafforzati. La regia complessiva delle politiche in materia è attribuita al Ministro dell’Economia che si avvale del Comitato di Sicurezza Finanziaria (CSF).

Le Autorità di Vigilanza di settore (Banca d’Italia, Consob, Isvap) sovrintendono al rispetto delle norme da parte dei propri vigilati ed emanano disposizioni in materia di obblighi di adeguata verifica del cliente, di registrazione, e di assetti organizzativi e di controllo idonei a prevenire il coinvolgimento dei soggetti vigilati in operazioni di riciclaggio. La qualità della collaborazione istituzionale è fondamentale ai fini di un’efficace azione di prevenzione e contrasto.
Alla Banca d’Italia sono attribuite competenze diversificate: la Vigilanza creditizia e finanziaria emana, d’intesa con le altre Autorità di Vigilanza, la normativa secondaria, esercita i controlli ed effettua i relativi interventi correttivi e sanzionatori; l’Unità di Informazione Finanziaria (UIF), struttura autonoma istituita all’interno della Banca d’Italia, è impegnata a raccogliere, analizzare e trasmettere agli organi investigativi le segnalazioni sospette.

L’infiltrazione delle attività illecite nel sistema bancario e finanziario mette a rischio la stabilità degli intermediari e può condizionarne la gestione aziendale. Pertanto,l’integrità del sistema bancario e finanziario costituisce un presupposto essenziale per il conseguimento delle finalità proprie della Vigilanza. La Vigilanza creditizia è collocata all’interno della Vigilanza ed è integrata con l’attività di controllo sui singoli operatori.
Principio cardine del contrasto al riciclaggio è quello dell’approccio basato sul rischio, in virtù del quale il livello delle difese va correlato allo specifico rischio. Di questo principio ne fanno uso il legislatore e gli operatori.
La dott.ssa Tarantola parla di lotta al riciclaggio come una sfida continua per il nostro Paese in cui tutti – cittadini ed Istituzioni – devono sentirsi coinvolti.

(Sabrina Galmarini – s.galmarini@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Nuovo Protocollo d’intesa Banca d’Italia-Consob

In data 5 novembre, Banca d’Italia e la Commissione nazionale per le società e la Borsa (“Conso...

Vigilanza

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze (il “MEF”) ha posto in ...

Vigilanza

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

“Il destino dell’Italia è quello dell’Europa”. Con questa frase emblematica, rinvenibile...

Vigilanza

X