La presunzione di corresponsabilità nel sinistro stradale

La Cassazione ha ribadito che in tema di responsabilità derivante da circolazione stradale, nel caso di scontro tra veicoli, ove il giudice abbia accertato la colpa di uno dei conducenti, non può, per ciò solo, ritenersi superata la presunzione posta a carico anche dell’altra dall’art. 2054, secondo comma, cod. civ., ma è tenuto a verificare in concreto se quest’ultimo abbia o meno tenuto una condotta di guida corretta.

Nella specie., la S.C. ha rigettato il ricorso, confermando la decisione della Corte di appello che aveva applicato la presunzione di pari responsabilità perché, all’esito dell’istruttoria compiuta, per la mancanza “di dati idonei alla piena ricostruzione delle modalità di accadimento del fatto dannoso”, non era stato possibile accertare l’esatta dinamica dell’incidente, ed in particolare se l’attore/danneggiato avesse tenuto una corretta condotta di guida esente da ogni censura” (Cass. n. 477 del 2003; in questo senso numerose altre pronunce di questa Corte, tra le quali da ultimo Cass. n. 23431 del 2014).

In definitiva, il soggetto che abbia riportato danni da un incidente stradale, anche in presenza di una conclamata responsabilità perfino ove prevalente dell’altra parte, è tenuto a dare prova in concreto di essersi quanto meno attenuto alle regole di prudenza a suo carico per veder esclusa attraverso un accertamento in concreto ogni sua corresponsabilità nel verificarsi del danno.

Cass., Sez. III, 28 giugno 2016, n. 13271 (leggi la sentenza)

Walter Pirracchiow.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

Quando dal sinistro stradale derivano lesioni di lieve entità è facile bluffare. Lo sanno bene le ...

Responsabilità Civile

L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

Il ruolo e la funzione del preventivo nell'ambito dell’attività dell’avvocato è, da sempre, al...

Responsabilità Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Nella costruzione di nuovi edifici, l'appaltatore può dirsi tenuto al rispetto dei requisiti energe...

Responsabilità Civile

X