Credito Al Consumo

La notifica tempestiva puo’ essere rinnovata in caso di esito negativo

Cass., 12 dicembre 2011, Sez. I, n. 26518

Massima: “Qualora la notificazione di un atto processuale sottoposta a termine perentorio non abbia avuto esito positivo per cause non imputabili al notificante, questi ha la facoltà e l’onere di provvedere, entro un termine ragionevole, ad una seconda notifica, con efficacia retroattiva alla data della prima. Ai sensi dell’art. 9, R.D. n. 267/1942 (legge fallimentare), la competenza a provvedere in ordine all’istanza di fallimento spetta inderogabilmente al tribunale del luogo in cui l’impresa debitrice ha la sua sede effettiva, che si presume fino a prova contraria coincidente con la sede legale” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Matera, con una recentissima ordinanza, indica i presupposti di ammissibilità del d...

Credito Al Consumo

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

In un giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo seguito dal nostro studio, gli attori chiedevano ...

Credito Al Consumo

Comunione legale, finché pignoramento non ci separi

In un procedimento di opposizione a decreto ingiuntivo in materia di credito al consumo, il Tribunal...

Credito Al Consumo

X