Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

La morte dell’unico difensore interrompe il processo

La Corte di Cassazione è ritornata su un tema già affrontato in passato, sottolineando il principio secondo cui la morte dell’unico difensore determina l’automatica interruzione del processo anche se il Giudice o le altre parti non ne hanno avuto conoscenza. 

La parte ricorrente invocava la nullità degli atti processuali e della sentenza emessa dalla Corte di Appello di Catania sostenendo che il processo doveva considerarsi interrotto a causa del decesso dell’unico difensore costituito in giudizio per la parte.

A sostegno delle proprie ragioni la ricorrente produceva il certificato di morte con cui provava il decesso del proprio difensore in data anteriore l’udienza di precisazione delle conclusioni. 

Ne consegue che l’attività processuale successiva alla morte del difensore e, quindi, nel caso di specie l’udienza di precisazione delle conclusioni e la pronuncia della sentenza, hanno avuto luogo dopo che il processo versava in stato di interruzione ai sensi dell’art. 301 c.p.c. per morte del difensore stesso.

Infatti, da quel momento si verificava l’automatica interruzione del processo e la preclusione di ogni ulteriore attività processuale che, se compiuta, doveva causare la nullità degli atti poi compiuti ed anche della sentenza.

La Corte di Cassazione sottolinea però che trattasi di doglianza invocabile solo dalla parte colpita dal predetto evento morte, a tutela della quale sono poste le norme che disciplinano l’interruzione, non potendo quest’ultima essere rilevata d’ufficio dal Giudice, né eccepita dalla controparte come motivo di nullità della sentenza.

Il Supremo collegio ha dunque accolto il ricorso per la palese violazione del contraddittorio ritenendo che lo svolgimento del processo, ed anche la sentenza impugnata, fossero affetti da nullità.

Cass., sez. VI – III, ord., 3 maggio 2022, n. 13976

Katia Lorenzano – k.lorenzano@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

A decorrere dal 22 giugno 2022, nel pignoramento presso terzi, nuovi adempimenti sono stati posti a...

Diritto Processuale Civile

L’inerzia dell’aggiudicatario paga!

La Corte Costituzionale ribadisce l’impossibilità di cancellare la trascrizione della domanda gi...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Nei giudizi di opposizione all’esecuzione ex art. 615 c.p.c., nel caso in cui sia azionato un tit...

Diritto Processuale Civile

X