Esecuzione forzata, al via le modifiche introdotte dal decreto semplificazioni pignoramento: attenti alla nota?

La fortuna dei principianti: quando l’impignorato diventa aggiudicato

Il pignoramento di un terreno comporta l’estensione automatica dello stesso anche a tutti quegli ulteriori beni ad esso connessi, ex art. 2912 c.c., per accessione.

Più precisamente, all’esito di un’aggiudicazione in seno al processo esecutivo immobiliare, vanno trasferiti, in favore dell’aggiudicatario, i beni indicati nel decreto di trasferimento ex art. 586 c.p.c., corrispondenti a quelli di cui all’atto di pignoramento, in uno a tutti quei beni considerati come accessori, pertinenze, frutti, miglioramenti, addizioni, o che siano uniti fisicamente alla cosa principale, tale da non poter essere divisi.

A tanto è giunta la Corte di Cassazione Civile, Sezione III con la sentenza n. 17041 del 28/06/2018, con la quale la stessa ha confermato quanto era già stato statuito nei primi due gradi di giudizio, rigettando la richiesta dell’esecutato, avanzata nei confronti dell’aggiudicatario, di ottenere la convalida di sfratto, la risoluzione del contratto di locazione ed il rilascio dell’immobile insistente sul terreno pignorato, assumendo che il fabbricato, per giunta abusivo, insistente sul terreno pignorato, fosse di sua esclusiva proprietà e, pertanto, non trasferibile, insieme al bene principale, all’esito della procedura esecutiva.

La Corte, invero, ha affermato che “l’identificazione dei beni trasferiti a conclusione di un’espropriazione immobiliare deve essere compiuta in base alle indicazioni del decreto di trasferimento di cui all’art. 586 c.p.c., cui vanno aggiunti quei beni ai quali gli effetti del pignoramento si estendono automaticamente, ai sensi dell’art. 2912 c.c., come accessori, pertinenze, frutti ed anche i miglioramenti e le addizioni, ancorché non espressamente menzionati nel predetto decreto”, precisando che “qualora nell’ordinanza di vendita di un terreno non si faccia menzione di una costruzione insistente su di esso, è ammissibile la proposizione, nei termini di legge, di un’opposizione agli atti esecutivi, ma non, in prosieguo, la contestazione del diritto dell’aggiudicatario a procedere ad esecuzione forzata”.

Il ricorso, pertanto è stato rigettato, con definitiva conferma delle pronunce già rese nei precedenti due gradi di giudizio e con la condanna del ricorrente al pagamento delle spese di lite.

Cass., Sez. III Civ., 28 giugno 2018, n. 17041

Viviana Campanile – v.campanile@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Dopo il pagamento del decreto ingiuntivo, niente esecuzione per le spese successive

Nel caso in cui il debitore estingua il proprio debito, comprensivo degli interessi e delle spese pr...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Esecuzione forzata, al via le modifiche introdotte dal decreto semplificazioni pignoramento: attenti alla nota?

Il 13 febbraio è entrata in vigore la legge di conversione del Decreto Legge 14 dicembre 2018 n. 13...

Diritto dell'esecuzione Forzata

Pignoramento dei diritti parziari: obbligo o facoltà?

È facoltà del creditore ipotecario agire in via esecutiva direttamente e nei soli confronti del pr...

Diritto dell'esecuzione Forzata