Contenzioso finanziario

La forma degli ordini di investimento

Cass., 17 settembre 2012, n. 18039

Questa Corte ha enunciato il principio che la prescrizione dell’art. 23 del T.U.F., secondo cui i contratti relativi alla prestazione di servizi di investimento debbone essere redatti per iscritto a pena di nullità del contratto, deducibile solo dal cliente, attiene al contratto-quadro, che disciplina lo svolgimento successivo del rapporto volto alla prestazione del servizio di negoziazione di strumenti finanziari, e non ai singoli ordini in invesitmento (o disinvestimento) che vengano poi impartiti dal cliente all’intermediario, la cui validità non è soggetta a requisiti di forma (v. Cass. n. 28432 e n.384 del 2012). Il ricorrente non ha offerto argomenti sufficienti a indurre la Corte a dissentire dal suddetto principio e, quindi, a investire della questione le Sezioni Unite.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’illecito extracontrattuale negli investimenti

Una recente azione promossa da numerosi (circa centocinquanta) investitori nei confronti di una comp...

Contenzioso finanziario

legittimazione passiva

La vicenda posta all'attenzione della Corte d’Appello di Venezia trae origine dalla chiusura di ra...

Contenzioso finanziario

Gestione patrimoniale, tra trasparenza dei costi e prova dell’informativa

Il Tribunale di Bologna ha avuto modo di argomentare riguardo alle contestazioni mosse da un investi...

Contenzioso finanziario