Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

La copia del ricorso può sostituire il deposito dell’originale?

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 3132/17 depositata il 07 febbraio 2017

La Suprema Corte con la sentenza n. 3132/17 ha affermato che il deposito nella cancelleria della Corte di Cassazione di una copia “informe” del ricorso, anziché dell’originale, come previsto dall’art. 369 comma 1 c.p.c., non determina l’improcedibilità del ricorso medesimo, qualora, non vi siano dubbi sulla conformità della copia all’originale.

Gli Ermellini hanno, inoltre, stabilito che il deposito in Cancelleria della sola copia fotostatica del ricorso in Cassazione, priva delle relate di notifica, in luogo dell’originale notificato, non comporta automaticamente l’improcedibilità ove l’originale venga depositato separatamente, ex art 372 c.p.c., nel termine perentorio dei venti giorni dall’ultima notifica di cui all’art 369 c.p.c. Infatti, la parte nei confronti della quale è diretta la notifica dev’essere messa in grado, al momento della costituzione del ricorrente, di verificare la regolarità della costituzione con riguardo a tutti quei profili cui il deposito dei documenti a pena di improcedibilità è strumentale al fine di poter contraddire al ricorso anche in punto di rito (cfr Cass. Civile, Sez I, sentenza n. 7802/93).

Nel caso in esame avendo il ricorrente depositato in cancelleria una copia fotostatica del ricorso in Cassazione, e non avendo successivamente provveduto al deposito dell’originale nel termine perentorio di venti giorni di cui all’art. 369 comma 1 c.p.c., il ricorso è stato dichiarato improcedibile, con integrale compensazione tra le parti delle spese del giudizio.

La pronuncia in commento ha contrastato il prevalente orientamento giurisprudenziale (S.U. Sentenza n. 9861/1997) che dichiarava automaticamente l’improcedibilità del ricorso in Cassazione depositato solo in copia “informe” in quanto privo di garanzie di autenticità.

Sara Rovigo – s.rovigo@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

La Cassazione con un'ordinanza depositata il 2 settembre 2020 ha ribadito, quanto già sostenuto con...

Diritto Processuale Civile

La parte deve partecipare personalmente alla mediazione

”In caso di avvenuta sospensione dell’esecuzione ex art. 624 c.p.c., atteso l’effetto estintiv...

Diritto Processuale Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Il deposito in cancelleria di una copia analogica del ricorso, il quale sia stato predisposto in ori...

Diritto Processuale Civile

X