Conciliazione

La conciliazione e gli studi legali

Nei giorni scorsi  si è tenuto a Milano un incontro rivolto ai professionisti dal titolo “La conciliazione e gli studi legali”, organizzato dallo Studio Legale La Scala in collaborazione con Resolutia, associazione di professionisti leader in Italia nel settore delle ADR.

L'incontro si è svolto in un clima informale e ha favorito tra i partecipanti una riflessione sulle opportunità offerte dal nuovo istituto della mediazione e su i vantaggi che potrebbero derivare agli avvocati , dalla collaborazione con Organismi di  mediazione che operino su teritorio nazionale e diano garanzie di serietà ed efficienza .

Dopo un rapido excursus su alcune delle principali novità appportate dal Decreto Ministeriale 180/2010, ci siamo soffermati, in particolare, su alcuni dei punti più critici riguardanti le modalità e i costi di accesso e alla  mediazione, tema particolarmente sentito dai professionisti che dovranno consigliare al meglio i propri clienti sugli Organismi da attivare.             
Sono ben 5.070  le  domande di mediazioni  depositate in un solo mese dall’entrata in vigore dell’obbligatorietà  e si prevede un ulteriore incremento fino a 30 mila cause al mese nel giro di un solo anno. 
E' quindi comprensibile la forte attenzione da parte degli operatori del diritto riguardo al fenomeno, e ai primi risultati del monitoraggio degli Organismi iscritti al Registro istituito presso il Ministero di Giustizia.
 
Nel corso dell'incontro, si è avuto modo di affrontare anche la modalità di procedura di mediazione telematica – possibilità prevista dal D. lgs. n. 28/2010 – che consnete di ovviare al problema delle distanze tra le parti coinvolte nella lite, e di risolvere eventuali problemi connessi alla mancata previsione, nella normativa, di un criterio di competenza territoriale.
L'Organismo di gestione Resolutia utilizza da tempo una piattaforma per le mediazioni on line, collaudata e sperimentata nel corso di questi anni, che tutela dal rischio di trovarsi coinvolti in "improvvisazioni" rischiose e poco gradite ai nostri clienti.
 
Con l’occasione, è stato  altresì presentato il progetto sulla gestione delle controversie transfrontaliere,  che Resolutia ,  in collaborazione con  altri importanti partner nazionali e internazionali  si è aggiudicato nell’ambito del Programma Generale finanziato dall’Unione Europea Civil Justice 2007-2013, nella sezione specifica del programma “Fundamental Rights and Justice” e patrocinato dal Ministero della Giustizia della Bassa Sassonia e dal Ministero della Giustizia polacco.

Il tema della mediazione  nelle controversie transfrontaliere sarà oggetto della conferenza internazionale che si terrà il 20 e 21 ottobre  2011 a Firenze, organizzata da Resolutia in collaborazione con le due società di consulenza culture.communication e Steinbeis Beratungszentrum Wirtschaftsmediation, patrocinata dal Ministero della Giustizia polacco e della Bassa Sassonia, dal titolo: “Risolvere con successo conflitti transfrontalieri ed interculturali”  e che vedrà la partecipazione, quali relatori, di alcuni dei maggiori esperti in materia di mediazione e negoziazione a livello nazionale e internazionale. 

(Paola Ventura – p.ventura@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
I confini normativi della mediazione obbligatoria, questioni di ermeneutica

Il TAR per il Lazio ha accolto il ricorso del Coordinamento della Conciliazione Forense (associazion...

Conciliazione

Conciliazione

Cass., Sez. VI Civile, 2 settembre 2015, n. 17480 (leggi la sentenza) Si segnala ai lettori di Iu...

Conciliazione

Conciliazione

Tribunale di Firenze, sez. III Civile, sentenza 9 giugno 2015 (leggi la sentenza) L’odierno co...

Conciliazione