Corporate

Il ricorso al Collegio dei Probiviri non pregiudica la tutela in via giudiziale

Cass., 28 maggio 2012, n. 8429

Massima: Ricorrere al Collegio dei Probiviri per ottenere la revoca dell’espulsione dalla compagine sociale non pregiudica l’azione giudiziaria, anche ex art. 700 c.p.c.”. (leggi la sentenza per esteso)

Con sentenza n. 8429/2012 del 28 maggio 2012, la Suprema Corte di Cassazione ha statuito che la clausola statutaria volta a prevedere la facoltà dei soci di ricorrere al Collegio dei Probiviri – salva l’ipotesi che con essa si deferiscano a tale organo le funzioni di un collegio arbitrale – costituisce un rimedio endosocietario meramente diretto a prevenire una controversia.

Ne consegue pertanto che: (i) l’essersi avvalsi di tale facoltà, non pregiudica il socio dal poter esperire un eventuale ricorso davanti all’Autorità Giudiziaria (anche ex art. 700 cod. proc. civ.); e (ii) il provvedimento emesso dal Collegio dei Probiviri non è impugnabile autonomamente in quanto è teso ad avere il solo effetto di rendere le delibere adottate (dagli altri organi societari) definitive e quindi, a loro volta, impugnabili.

(Sergio Chisari – s.chisari@lascalaw.com)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Omessa dichiarazione: per la punibilità del prestanome è necessario che questi persegua il dolo specifico

Nella conclusione di un contratto di cessione di partecipazioni sociali, lo svolgimento delle attiv...

Corporate

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Nella compravendita di partecipazioni sociali, in mancanza di specifiche garanzie assunte dal vendi...

Corporate

Collegio Sindacale: non indugiare, agisci!

In presenza di una clausola statutaria che permetta, in via generica, che l’intervento in assembl...

Coronavirus

X