Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

Istanza di fallimento e notifica alla società italiana trasferitasi all’estero

E’ nulla la notifica dell’istanza di fallimento e del decreto di fissazione udienza al vecchio legale rappresentante italiano, laddove il COMI si trovi all’estero

[…] la notificazione – una volta accertato il trasferimento in Portogallo della società – avrebbe dovuto essere eseguita nei confronti della persona che nell’ottobre 2012, secondo i registri portoghesi, rivestiva la carica di legale rappresentante della società mentre la notificazione eseguita nei confronti dell’amministratore sostituito, pur non potendo essere considerata inesistente, era nulla e la nullità, stante la mancata comparizione della debitrice in sede prefallimentare, avrebbe dovuto essere rilevata dal tribunale, il quale ne avrebbe dovuto disporre la rinnovazione”.

Le Sezioni Unite hanno ritenuto nulla la notifica del ricorso per la declaratoria di fallimento di una società italiana trasferitasi all’estero e del pedissequo decreto di fissazione dell’udienza prefallimentare, effettuata tempestivamente nei confronti dell’amministratore italiano già sostituito – sostituzione intervenuta contestualmente al trasferimento della sede all’estero e, quindi, precedentemente all’istanza fallimentare -, in quanto il centro degli interessi (COMI) della società si trova chiaramente all’estero presso la nuova sede sociale.

Nella fattispecie, dunque, il creditore istante, una volta appreso che la notifica presso la sede in Lisbona non era andata a buon fine, avrebbe dovuto procedere alla notifica degli atti presso il soggetto che, secondo i registri portoghesi, risultava il legale rappresentante della società.

La Cassazione, riconosciuto il centro degli interessi (COMI) dell’impresa in Portogallo e constatata la mancata notificazione del ricorso presso la sede di Lisbona, ha dunque rimesso la causa al Tribunale di Modena affinché, rinnovati gli atti nulli, provvedesse sull’istanza di fallimento.

Cass., Sez. Un., 12 gennaio 2016

Riccardo Abbagnato – r.abbagnato@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il Tribunale di Rimini, chiamato a pronunciarsi sull’omologa di una proposta di accordo della cris...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Lo strano caso del credito sorto prima della pubblicazione della domanda di concordato preventivo ...

Crisi e procedure concorsuali

Omessa dichiarazione: per la punibilità del prestanome è necessario che questi persegua il dolo specifico

La cessione dei crediti costituisce una modalità anomala di estinzione dell’obbligazione e come t...

Crisi e procedure concorsuali

X