Contratti Bancari

Interessi pattuiti nei limiti della soglia: non c’è usura nel contratto di mutuo

Tribunale Napoli, 4 giugno 2014

Il Giudice napoletano, con ordinanza resa nell’ambito di un giudizio di opposizione all’esecuzione, nel quale veniva eccepito il presunto addebito di interessi usurari in relazione ad un contratto di mutuo, ha evidenziato come l’azione esecutiva può essere paralizzata soltanto allorché “si dimostri che, per effetto dell’applicazione di un saggio di interesse usurario, il debitore mutuante abbia corrisposto all’istituto mutuante a titolo di interessi somme non dovute eccedenti l’importo delle rate scadute e non pagate”. In ogni caso la usurarietà dei tassi di interesse moratori deve ritenersi esclusa, allorché nel contratto di mutuo sia stata pattuita la clausola c.d. di salvaguardia, la quale prevede che la misura degli interessi di mora non sia mai superiore al limite stabilito dalla legge 108/96 e, in caso di teorico superamento, che detta misura sia pari al limite medesimo.

30 giugno 2014

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

“Non assumono valore probatorio, ai fini dell’affermazione di una responsabilità contrattuale e...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il Tribunale di Torino, nella pronuncia in commento, ha affrontato un tema recentemente posto all’...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

L’asserita violazione dei dettami di trasparenza riconnessi ad una presunta distorsione dell’Ind...

Contratti Bancari

X