Contratti Bancari

Individuazione del TEGM applicabile e regola della prevalenza della sostanza sulla forma

ABF Napoli, 12 febbraio 2013 (leggi il provvedimento per esteso)

Con la pronuncia in commento, l’ABF  di Napoli, in parziale accoglimento del ricorso presentato dal correntista, ha affermato il principio secondo cui debba avere rilevanza la reale natura del rapporto tra le parti in luogo del nomen iuris attribuito all’accordo.

In particolare, nel caso esaminato dall’ABF, il collegio ha riqualificato il  contratto di apertura di credito come anticipazione su crediti.

Il conto, infatti, serviva unicamente a contabilizzare i crediti via via incassati dalla cliente a bilanciamento dell’anticipazione ed il rapporto non poteva essere autonomamente movimentato dal correntista.

In altre parole, la disponibilità accordata dalla banca rappresentava il plafond massimo di valore entro cui i crediti verso terzi potevano essere anticipati.

Sulla scorta di tale considerazione, il collegio napoletano ha condannato la  banca alla restituzione delle somme addebitate a titolo di interessi, poiché erronea qualificazione giuridica del contratto  non ha permesso l’applicazione della corretta normativa, ovvero quella prevista per  l’anticipazione su crediti.

(Giuliana Poggi – g.poggi@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Ai fini dell’efficacia della cessione di crediti in blocco è sufficiente la pubblicazione dell’...

Contratti Bancari

Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

Con una recentissima pronuncia, il Tribunale di Milano, in sede di opposizione, ha concesso la provv...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La decisione in esame, emessa a conclusione di un giudizio ex art. 700 cpc seguito dal nostro Studio...

Contratti Bancari

X