Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Inaugurato l’elenco dei Confidi Minori

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana dell’8 febbraio 2020, l’Organismo per la tenuta dell’elenco dei Confidi di cui all’art. 112 del D.Lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (c.d. “Confidi Minori”) ha comunicato, ai sensi dell’art. 10, comma 8-quater, del D.Lgs. 13 agosto 2010 n. 141, l’avvio della gestione dell’elenco dei Confidi Minori (di seguito l’“Elenco”).

Il comunicato si inerisce tra le attività necessarie per l’avvio dell’operatività dell’Organismo per la tenuta dell’elenco dei Confidi Minori (c.d. “OCM”), previsto dall’art. 112-bis del D.Lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (“TUB”), il cui Statuto e il cui Regolamento sono stati approvati dal Ministro dell’Economia e delle Finanze con Decreto del 30 agosto 2019.

In particolare, si legge nell’avviso che “a partire dal giorno 10 febbraio 2020 è avviata la gestione dell’elenco dei [Confidi Minori] da parte dell’OCM […] ed è, pertanto, possibile presentare le istanze di iscrizione nell’elenco medesimo.”

L’OCM ha previsto un periodo transitorio (di seguito il “Periodo Transitorio”) di 12 mesi dall’avvio dell’Elenco (che si concluderà pertanto il 10 febbraio 2021), durante il quale i Confidi Minori iscritti nella sezione dell’elenco generale ai sensi del previgente art. 155, comma 4, del TUB possono continuare a operare.

L’istanza di iscrizione all’Elenco dovrà essere presentata all’OCM almeno 3 mesi prima della scadenza del Periodo Transitorio, ovvero entro il 10 novembre 2020.

Si precisa che, in pendenza dell’istanza di iscrizione, i Confidi Minori potranno continuare ad operare anche oltre il termine di 12 mesi.

Qualora, tuttavia, i Confidi Minori non presentino istanza di iscrizione all’OCM entro il predetto termine, o in caso di mancato accoglimento dell’istanza, gli stessi dovranno deliberare la liquidazione della società ovvero la modifica del proprio oggetto sociale, eliminando il riferimento all’attività riservata di rilascio di garanzie mutualistiche.

Dal 10 febbraio e fino alla scadenza del Periodo Transitorio la Banca d’Italia continua a tenere l’elenco dei Confidi Minori ex art. 155, comma 4, del previgente TUB. Dalla stessa data, tuttavia, cessa di ricevere nuove istanze di iscrizione.

Sul sito dell’OCM, viene precisato che, ai sensi dell’art. 15 del Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 228 del 23 dicembre 2015, l’Elenco conterrà le seguenti indicazioni:

  1. denominazione, forma giuridica e sede legale del confidi
  2. sede operativa, ove diversa da quella della sede legale;
  3. data di iscrizione nell’Elenco;
  4. numero di iscrizione attribuito al confidi dall’OCM.

Ai fini dell’aggiornamento dell’Elenco, i Confidi Minori iscritti sono tenuti a comunicare all’OCM le eventuali variazioni delle informazioni contenute nell’Elenco medesimo, secondo le modalità e i termini fissati dall’OCM stesso.

Isabella Frisoni – i.frisoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Banca d’Italia ha recentemente introdotto disposizioni in materia di segnalazioni a carattere cons...

Coronavirus

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

L’EBA ha recentemente posto in pubblica consultazione una proposta avente ad oggetto le possibili ...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Banca d’Italia, con la Comunicazione dello scorso 23 ottobre 2020, ha dato attuazione agli Orienta...

Vigilanza

X