Contenzioso finanziario

Impossibile escludere il lucro cessante chiesto in sede di conclusioni

Cass., 1° ottobre 2012, Sez. I, n. 16674

Massima: “Nella lite fra intermediario finanziario e risparmiatore deve escludersi che possa costituire questione nuova in appello la precisazione di alcune voci di danno effettuata nelle richieste formulate nelle conclusioni definitive rassegnate nel giudizio di primo grado, non potendo esimersi la Corte di appello dall’esaminare nel merito una domanda che deve ritenersi proposta in primo grado.” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Tra incapacità ed attendibilità dei testimoni

Nell’ambito del contenzioso inerente la prestazione dei servizi di investimento, l’onere della p...

Contenzioso finanziario

Derivati finanziari, tra collegamento funzionale e causa di copertura

Si torna a discutere di derivati finanziari e, nello specifico, in due recenti precedenti di merito,...

Contenzioso finanziario

Allega bene l’inadempimento, altrimenti niente risarcimento

Un tema d’attualità, stando alle letture di recenti decisioni della Suprema Corte, è quello dell...

Contenzioso finanziario