Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il Tribunale di Napoli in tema di rapporto di conto corrente 

Il Tribunale di Napoli con una pronuncia emessa in tema di asserita usurarietà del conto corrente oggetto di contestazione, ha respinto le pretese avversarie svolte per la ripetizione di somme “riscosse dalla banca indebitamente” in quanto inammissibili.

Al riguardo, giova rilevare come secondo l’adito Tribunale “la domanda di ripetizione di indebito è inammissibile se il conto non è ancora chiuso, perché solo con la cessazione di ogni rimessa può definirsi esattamente il saldo finale e conseguentemente l’entità dell’indebito: l’azione non è proponibile dal correntista fin quando non sia avvenuta la chiusura dei conti in relazione ai quali ha agito in giudizio, non potendosi configurare, sino ad allora pagamenti aventi natura solutoria di cui chiedere la restituzione”.

E dunque “l’attualità del rapporto di conto corrente al momento dell’introduzione del giudizio preclude radicalmente al correntista la possibilità di agire per la ripetizione delle somme che si assumono indebitamente riscosse dalla banca” rientrando invece “nei margini dell’ammissibilità soltanto l’eventuale azione di accertamento relativa alla liceità degli addebiti operati dalla banca”.

Vieppiù, il Tribunale di Napoli ha rammentato che “nei giudizi promossi dal cliente – correntista per far valere la nullità di clausole contrattuali in vista della ripetizione di somme illegittimamente trattenuta dalla banca, grava sull’attore l’onere di provare ed allegare i fatti posti a fondamento della domanda” principio che, con riguardo alla produzione degli estratti conto, si esplica nel successivo assunto per cui “nei rapporti bancari in conto corrente, il correntista che agisca in giudizio per la ripetizione dell’indebito è tenuto a fornire la prova sia degli avvenuti pagamenti che della mancanza, rispetto ad essi, di una valida causa debendi, sicchè il medesimo ha l’onere di documentare l’andamento del rapporto con la produzione di tutti quegli estratti conto che evidenziavano le singole rimesse suscettibili di ripetizione in quanto riferite a somme non dovute”.

Di talchè, il Giudice ha ritenuto “assolutamente generica” la contestazione attorea svolta in tema di usura del rapporto di conto corrente oggetto di contestazione.

Al riguardo, il Tribunale di Napoli con la pronuncia emessa, uniformandosi all’insegnamento della Suprema Corte a S.U. n. 19597/20 del 18.09.20, ha rilevato che “l’onere probatorio nelle controversie sulla debenza e sulla misura degli interessi moratori, ai sensi dell’art. 2697 c.c., si atteggia nel senso che il debitore, il quale intenda provare l’entità usuraria degli stessi ha l’onere di dedurre il tipo contrattuale, la clausola negoziale, il tasso negoziale in concreto applicato, la misura del Tegm nel periodo considerato, con gli altri elementi contenuti nel decreto ministeriale di riferimento (…)”.

Ebbene, del tutto correttamente il Giudice partenopeo ha precisato che parte attrice non avrebbe potuto sopperire alla mancata allegazione “a mezzo della CTP depositata in uno alla costituzione in giudizio, sia in quanto inammissibile il rinvio per relationem ad atti non riportati esplicitamente nel loro contenuto in citazione, sia in quanto essa stessa non decifrabile quanto ai criteri utilizzati per ritenere verificatosi l’assunto sforamento”.

Alla luce dei richiamati orientamenti giurisprudenziali, il Tribunale di Napoli ha respinto le domande avversarie.

Trib. Napoli, 13 ottobre 2020, n. 6595

Giulia Novara – g.novara@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

La giurisprudenza di merito continua a recepire gli insegnamenti delle recenti Sezioni Unite in tema...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

È legittimo, da parte della banca che eroga un prestito, segnalare alla Centrale Rischi Finanziari ...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

I giudici di merito mostrano di aver tenuto prontamente in considerazione quanto recentemente statui...

Contratti Bancari

X