Responsabilità Civile

Il dovere di diligenza del Notaio rogante

Cass., 6 giugno 2014, n. 12797 (leggi la sentenza per esteso

In un particolare momento storico per il mercato immobiliare, la recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 12797 del 6 giugno 2014, interviene a tutela di chi, ancora oggi, decida di investire nel mattone, garantendo con maggior vigore ogni singola compravendita.

Il Notaio incaricato del rogito, infatti, anche se esonerato dalle stesse parti dall’obbligo delle visure, è secondo la Suprema Corte, soggetto a provvedimento disciplinare qualora non informi debitamente le parti del gravame iscritto sull’oggetto della compravendita stessa.

La particolare funzione che assolve nell’esercizio della sua professione, anche in caso di esonero espresso dalle parti, non pone quindi il Notaio al riparo da responsabilità sanzionabili.

E’ quindi dovere dell’Ufficiale rogante controllare la regolarità del bene, esaminare le risultanze dei pubblici registri e gli atti di provenienza relativi allo stesso, al fine di garantire la correttezza della compravendita, nel massimo della trasparenza.

Il dovere di diligenza nello svolgimento della sua mansione, non è quindi semplicemente assimilabile a quello del buon padre famiglia, ma a quella del vero professionista, tanto più speciale e rafforzata quanto più specialista e settoriale risulta la prestazione richiesta.

Costituisce quindi un obbligo per il Notaio l’esame delle visure ipocatastali, considerando che la sua attività non si deve quindi in alcun modo ridurre al mero accertamento delle volontà delle parti ed alla direzione nella compilazione dell’atto.

Trattandosi infatti di contratto di prestazione d’opera professionale non solo è richiesta da parte del Notaio la buona fede bensì l’ulteriore diligenza qualificata dall’articolo 1176 comma secondo  del Codice Civile.

L’attività preparatoria è quindi fondamentale per assicurare la serietà e la certezza degli effetti tipici dell’atto rogato.

20 giugno 2014

(Antonio Peroni Ranchet – a.peroni@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Vado a stare da papà

Con l’ordinanza n. 27703/20, depositata il 3 dicembre, la Corte di Cassazione ha definito i limiti...

Responsabilità Civile

Con una recente ordinanza, la Corte di Cassazione è tornata a trattare il tema, sempre attuale, del...

Responsabilità Civile

Vado a stare da papà

Colui il quale lamenta di avere subito un danno, per ottenere il relativo risarcimento, deve provare...

Responsabilità Civile

X