Diritto Processuale Civile

Il termine di novanta giorni ex art. 481 c.p.c. ha natura di decadenza e non di prescrizione

E’ quanto stabilito di recente anche dal Tribunale di Reggio Emilia, il quale, con sentenza del 26 maggio 2014, ha aderito all’orientamento giurisprudenziale consolidatosi in materia, precisando che il termine di novanta giorni previsto dall’art. 481 c.p.c., entro il quale iniziare l’esecuzione dopo l’intimazione del precetto, essendo di decadenza e non prescrizione, è rispettato se entro detto termine si propone la prima esecuzione.

Pertanto, se l’azione esecutiva intrapresa per prima ha avuto esito positivo ed occorre procedere ad un’ulteriore esecuzione, non è affatto  necessario notificare un’ulteriore atto di precetto.

Tribunale di Reggio Emilia, 26 maggio 2014 (leggi la sentenza per esteso)

16 giugno 2014

(Francesco Concio – f.concio@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Riattivazione del processo di notificazione, attenzione agli incidenti di percorso

Il deposito telematico degli atti si intende perfezionato, per il depositante, nel momento in cui è...

Diritto Processuale Civile

PCT e deposito tempestivo...occhio alla consegna!

“Ai fini della condanna ex art. 96 terzo comma c.p.c. può costituire abuso del diritto all’impu...

Diritto Processuale Civile

Notifica PEC a buon fine, se segue alla lettera le normative

La tardiva iscrizione a ruolo del giudizio di opposizione comporta improcedibilità dell’azione, c...

Diritto Processuale Civile