A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Il meccanismo di riconoscimento degli oneri generali di sistema non riscossi dai clienti finali

L’ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha istituto il “Meccanismo di riconoscimento degli oneri generali di sistema non riscossi dai clienti finali e già versati alle imprese distributrici”. L’intervento regolatorio è stato adottato a conclusione del procedimento di ottemperanza alle sentenze della giustizia amministrativa, avviato con il provvedimento del 3 marzo 2017, 109/2017/R/EEL, e facendo seguito agli orientamenti espressi all’interno del documento per la consultazione 445/2020/R/EEL, nel quale l’Autorità ha illustrato gli orientamenti in merito al Meccanismo di riconoscimento degli oneri generali di sistema che gli utenti del trasporto hanno versato alle imprese distributrici pur non avendoli riscossi dai clienti finali.

La finalità espressamente perseguita dalla delibera in parola è quella di “riconoscere una adeguata e proporzionale compensazione degli OGdS già versati alle imprese distributrici rispetto all’eventuale mancato incasso da parte dei clienti finali inadempienti”. L’operatività del “Meccanismo” ricomprende il periodo intercorrente tra l’anno 2016 e fino all’adozione di specifici interventi – anche di natura legislativa – volti ad individuare ad una differente gestione della catena di riscossione degli OGdS e del sistema di garanzie ad essa connesse.

In quest’ottica, la delibera individua, in primo luogo (i) i soggetti aventi diritto al rimborso, (ii) le condizioni di accesso al Meccanismo, (iii) le modalità di quantificazione degli oneri generali non riscossi e (iv) i criteri per il riconoscimento degli stessi.

In particolare, l’utente del trasporto può accedere al Meccanismo de qua relativamente agli OGdS non riscossi afferenti sia a contratti di trasporto in essere al momento della trasmissione dell’istanza di partecipazione al Meccanismo sia a contratti di trasporto risolti e relativi al libero mercato, al servizio di tutele graduali e al servizio di salvaguardia.

Altresì, il provvedimento, tracciando le modalità operative del Meccanismo, delinea due differenti regimi di calcolo per l’ammontare riconosciuto che su libera scelta annuale del Partecipante potrà essere riscosso in “regime ordinario” oppure in “regime semplificato”. Infine, l’Autorità ha previsto diverse tempistiche per la presentazione, da parte dell’utente di trasporto, delle istanze di partecipazione e, di conseguenza, per la liquidazione dell’ammontare da parte di CSEA, stabilendo una prima sessione del Meccanismo e altre successive.

ARERA, Delibera 32/2021/R/EEL, 21 febbraio 2021

Francesca Facchi – f.facchi@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

L’impatto dell’emergenza sanitaria non cessa di provocare i suoi effetti ed il tema è noto all...

Coronavirus

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Con una recente sentenza la Cassazione ha sancito il principio di diritto per il quale, il mancato ...

Utilities

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Adempiendo al compito affidatole, l’ARERA è intervenuta con la delibera 75/2020/R/Com al fine di ...

Coronavirus

X