Diritto Processuale Civile

Il divieto del Notaio di ricevere atti proibiti dalla legge

App. Milano,  25 Maggio 2011 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in commento ha affermato il principio per cui il divieto per il Notaio di ricevere atti proibiti dalla legge sancito dall’art. 28, comma 1, l. n. 89/1913 attiene esclusivamente ai vizi che inequivocabilmente diano luogo a nullità assoluta dell’atto per contrarietà a norme imperative, escludendo la responsabilità del Notaio al di fuori della suddetta ipotesi.

Alla luce di quanto statuito nella sentenza in commento, pertanto, deve escludersi una responsabilità del notaio ex art. 28, legge n. 89 del 16 Febbraio 1913 tutte le volte in cui il divieto sancito dalla legge non si desuma in maniera inequivocabile, ma al contrario sussistano oggettive incertezze a livello interpretativo.

(Filippo Basile – f.basile@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

Il provvedimento col quale il giudice dell'esecuzione, a conclusione della fase sommaria di opposizi...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

La revoca del decreto cautelare emesso inaudita altera parte, determina la caducazione con effetto e...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Il professionista delegato, in virtù dei poteri di delega ex art. 591 bis c.p.c., può assegnare al...

Diritto Processuale Civile

X