Contenzioso finanziario

Il difetto di causa in concreto determina la nullità del contratto

Con  la  sentenza  in commento la Corte d’Appello di Trento si è pronunciata in tema di nullità di un contratto interest rate swap (IRS) per difetto di causa in concreto.

Nel caso di specie, il contratto oggetto del contendere,  pur avendo dichiaratamente finalità di copertura del rischio di tasso d’interesse derivante dall’esposizione debitoria della società, era  in verità  caratterizzato da finalità speculative.

Secondo l’Autorità adita, la causa   del contratto deve essere  identificata  nello scopo pratico  del  negozio giuridico, ovvero  gli interessi  che il contratto  mira  a realizzare.

In altre parole, la Corte di Appello di Trento ha valorizzato il c.d. concetto di causa in concreto, attribuendo preminenza alla funzione individuale della singola e specifica negoziazione, con conseguente superamento del modello contrattuale tipizzato.

Aderendo a tale principio, il collegio ,  ravvisando l’inidoneità del contratto impugnato a garantire la copertura dal rischio di tasso di interesse derivante dall’esposizione debitoria, ne ha dichiarato la nullità per difetto di uno dei requisiti essenziali,  ovvero la causa in concreto.

(Giuliana Poggi – g.poggi@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Tra incapacità ed attendibilità dei testimoni

Nell’ambito del contenzioso inerente la prestazione dei servizi di investimento, l’onere della p...

Contenzioso finanziario

Derivati finanziari, tra collegamento funzionale e causa di copertura

Si torna a discutere di derivati finanziari e, nello specifico, in due recenti precedenti di merito,...

Contenzioso finanziario

Allega bene l’inadempimento, altrimenti niente risarcimento

Un tema d’attualità, stando alle letture di recenti decisioni della Suprema Corte, è quello dell...

Contenzioso finanziario