Contratti

Il contratto stipulato dal rappresentante apparente

Cass., 27 gennaio 2015, n. 1451

La Cassazione con sentenza del 27 gennaio 2015, n. 1451 ha ribadito il concetto per cui in caso di contratto stipulato con un falsus procurator possono invocarsi i principi dell’apparenza del diritto e dell’affidamento incolpevole.

Nel caso di specie è stato ritenuto valido un contratto stipulato con un’associazione sportiva, la quale sosteneva che il soggetto che ha agito, in suo nome e per suo conto, non ne avesse i poteri, proprio richiamando i principi della rappresentanza apparente. Si ravvisavano, in particolare, la buona fede del terzo contraente ed anche un comportamento colposo del rappresentato.

30 gennaio 2015 

Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

Il legislatore - probabilmente nell’ottica di salvaguardare il sacro principio dell’autonomia co...

Contratti

Vado a stare da papà

Non va accolta l’istanza di sfratto per morosità proposta dal locatore di un immobile ad uso abit...

Contratti

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

L’Ufficio del Massimario della Corte Suprema di Cassazione ha pubblicato, nel luglio scorso, la su...

Contratti

X