Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Gestione e supervisione dei rischi: la consultazione EBA relativa ai fattori ESG

L’EBA ha recentemente posto in pubblica consultazione una proposta avente ad oggetto le possibili modalità di inclusione dei fattori e dei rischi ESG (Environmental, Social and Governance) nel quadro normativo e di vigilanza per gli enti creditizi e le imprese di investimento.

L’importanza dell’inclusione di tali fattori si rinviene nella necessità di considerare gli aspetti di natura ambientale, sociale e di governance, oltre ai criteri economici economico-finanziari, nell’ambito della valutazione dell’investimento in un’ottica sostenibile.

Infatti, l’EBA rimarca la necessità di rafforzare l’inserimento dei rischi ESG nelle strategie e nei processi di business degli enti e di incorporarli proporzionalmente nella governance interna.

Il documento in consultazione è stato elaborato con l’intento di raccogliere feedback dai soggetti operanti nel mercato, al fine di ottenere un rapporto su tali tematiche, come previsto dall’art. 98(8) della Direttiva (UE) 2019/878 (CRD V) e dall’art. 35 della Direttiva (UE) 2019/2034 (IFD).

Nello specifico:

  • l’ 98(8) della CRD V, prevede la valutazione da parte dell’EBA della potenziale inclusione nelle valutazioni e revisioni effettuate dalle autorità competenti dei rischi ambientali, sociali e di governance;
  • l’ 35 della IFD, prevede l’elaborazione di una relazione da parte dell’EBA in merito all’introduzione di criteri tecnici per le esposizioni relative ad attività sostanzialmente associate a obiettivi ambientali, sociali e di governance per il processo di valutazione prudenziale, con la finalità di valutare le fonti nonché gli effetti possibili dei rischi sulle imprese di investimento, tenendo conto degli atti giuridici dell’Unione applicabili nell’ambito della tassonomia dei fattori ambientali, sociali e di governance.

Infatti, nel documento, l’EBA rimarca la necessità di rafforzare l’inserimento dei rischi ESG nelle strategie e nei processi di business degli enti e di incorporarli proporzionalmente nella governance interna.

Si rileva, inoltre, che tale consultazione avrà termine il prossimo 3 febbraio 2021.

Gianluca Pappacena – g.pappacena@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Banca d’Italia ha recentemente introdotto disposizioni in materia di segnalazioni a carattere cons...

Coronavirus

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Banca d’Italia, con la Comunicazione dello scorso 23 ottobre 2020, ha dato attuazione agli Orienta...

Vigilanza

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

In tema di scambio automatico di informazioni su conti finanziari, con il decreto del Ministro dell...

Vigilanza

X