Contratti Bancari

Frazionamento del contratto di mutuo fondiario

Cass., 21 giugno 2013, Sez. I, n. 15685 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza della Corte di Cassazione in commento ha stabilito il principio giuridico in forza del quale nell’ipotesi di frazionamento del contratto di mutuo fondiario richiesto dal debitore, promissario acquirente, assegnatario e terzo acquirente, l’ipoteca dopo il frazionamento deve garantire la quota di mutuo che il richiedente ha inteso accollarsi e non già la quota proporzionata al valore della singola unità rispetto al valore del complesso delle unità immobiliari gravate da ipoteca.

Ciò in virtù del fatto che l’articolo 1273, u.c., c.c. stabilisce che l’accollante è obbligato nei confronti del creditore solo nei limiti in cui si è assunto il debito e può opporre al creditore le eccezioni fondate sul contratto in forza del quale è avvenuta l’assunzione.

(Filippo Basile – f.basile@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Secondo una recente ordinanza del Tribunale di Monza, relativa ad un procedimento d’urgenza seguit...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Sono molte le questioni affrontate dalla sentenza in commento, resa dal Tribunale di Pistoia all’e...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

La centralità di un corredo probatorio, volto a dimostrare la fondatezza delle pretese giudizialmen...

Contratti Bancari

X