Mario Valentino vs. Valentino

Flash News: Via al pct in Cassazione

Come anticipato nei precedenti contributi, dallo scorso 31 marzo 2021, è possibile procedere con i depositi in modalità telematica di atti e documenti anche nei procedimenti pendenti avanti alla Corte di Cassazione.

Analogamente a quanto avvenuto nella fase di avvio del processo telematico, il deposito telematico in questa prima fase non è previsto in modo obbligatorio, ed i difensori potranno comunque continuare a procedere al deposito dei documenti in modalità analogica, indipendentemente dalla scelta effettuata dal difensore della controparte.

Per agevolare l’applicazione di questa modalità, il Gruppo di Lavoro della FIIF (Fondazione Italiana per l’Innovazione Forense) del CNF ha redatto il “Vademecum per i depositi telematici” consultabile a questo link nel quale vengono fornite le risposte alle domande più frequenti ed alcune utili indicazioni per la redazione della busta telematica di deposito attraverso il redattore atti open-source SLpct.

Consulta il Vademecum per i depositi telematici

Laura Pelucchi – l.pelucchi@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

A seguito dell’istituzione del “domicilio digitale” le notificazioni indirizzate alla parte de...

Diritto Processuale Civile

Con ordinanza interlocutoria, la Cassazione ha disposto la rimessione al Primo Presidente affinché ...

Diritto Processuale Civile

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

Secondo una recente sentenza delle Sezioni Unite non rileva in che modo sia apposta la firma digital...

Diritto Processuale Civile

X