Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Quando il fido manca, la prescrizione deve essere accolta

“In assenza di un valido contratto di affidamento le rimesse intervenute sul conto corrente, in quanto destinate a ripianare una esposizione debitoria del cliente, e cioè uno sconfinamento in assenza di fido, devono considerarsi di natura solutoria, proprio per l’assenza di prova sull’esistenza di un fido da ripristinare, che quindi, non può risultare stipulato per facta concludentia”.

Questo il motivo per cui la Corte d’Appello di Milano ha integralmente riformato una sentenza del Tribunale di Como del tutto sfavorevole per un istituto di credito, condannato in primo grado a restituire le somme addebitate in conto corrente.

Secondo il Collegio, il giudice di prime cure ha erroneamente rigettato l’eccezione di prescrizione sollevata dalla convenuta in primo grado, partendo dal presupposto che l’onere di provare la natura solutoria delle rimesse incomberebbe sulla convenuta che, pertanto, avrebbe dovuto dimostrare che il rapporto non era affidato nel decennio interessato dalla prescrizione.

In particolare, il convincimento del Tribunale di Como è apparso viziato dal momento che il giudice aveva solo presunto l’esistenza dei fidi, poiché la banca per lungo tempo aveva tollerato scoperti di conto, nonché applicato delle c.m.s. Tuttavia, a parere della Corte, tale ragionamento non può essere condiviso.

In effetti, se è vero che un contratto bancario per essere valido necessita della forma scritta ad substantiam ai sensi del 117, co. 3 TUB, allora non è possibile presumere l’esistenza del contratto bancario, né ritenere che esso sia stato stipulato per facta concludentia.

In ragione di ciò la Corte d’Appello ha riformato la sentenza del Tribunale di Como, dichiarando prescritto ogni diritto vantato dalla parte appellata, con condanna di quest’ultima alla restituzione di quanto ricevuto in esecuzione della sentenza impugnata.

Corte d’Appello di Milano, 30 agosto 2017, n. 3776 

Francesca Fiorito – f.fiorito@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

Con una interessante sentenza del 22 marzo 2021 la Corte d’Appello di Milano ribadisce l’insegn...

Contratti Bancari

Come noto, a seguito della diffusione della pandemia da Covid 19, sono state emanate una serie di n...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

La Corte d’Appello di Milano, con la sentenza n. 1855 del 16.07.2020, ha affrontato la tematica d...

Contratti Bancari

X