Crisi e procedure concorsuali

Fallimento di societa’ con sede all’estero

Cass., 3 ottobre 2011, Sez.  n.20144

Massima: “Il trasferimento ad altro Stato (extracomunitario) della sede di una società anche se anteriore al deposito dell’istanza di fallimento non esclude la giurisdizione italiana essendo essa inderogabile – salve le convenzioni internazionali o le norme comunitarie – e pienamente operante nei casi in cui detto trasferimento non abbia carattere fittizio o strumentale.” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Il Tribunale di Roma è tornato sul tema della prescrizione dei crediti ammessi a procedure concorsu...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

Un’opportunità di chiarezza circa le differenze intercorrenti tra due istituti giuridici: la revo...

Crisi e procedure concorsuali

X