Crisi e procedure concorsuali

Fallimento di societa’ con sede all’estero

Cass., 3 ottobre 2011, Sez.  n.20144

Massima: “Il trasferimento ad altro Stato (extracomunitario) della sede di una società anche se anteriore al deposito dell’istanza di fallimento non esclude la giurisdizione italiana essendo essa inderogabile – salve le convenzioni internazionali o le norme comunitarie – e pienamente operante nei casi in cui detto trasferimento non abbia carattere fittizio o strumentale.” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
La rivincita del promissario acquirente

Facciamo seguito a nostri precedenti articoli sul tema della decorrenza del termine per la riassunzi...

Crisi e procedure concorsuali

La Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi sull’annosa questione del dies a quo di decorrenz...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

La Corte di Cassazione si è espressa in tema di applicabilità del disposto di cui all’art. 168, ...

Crisi e procedure concorsuali

X