Diritto Processuale Civile

Espressioni offensive negli scritti difensivi: l’omessa condanna da parte del Giudice di Merito non è censurabile in Cassazione

Cass. Civ., 16 giugno 2014,  n. 13670 (leggi la sentenza per esteso)

La pronuncia in commento rispecchia l’orientamento consolidatosi in materia ormai da tempo: il risarcimento del danno previsto dall’art. 89, II comma c.p.c. costituisce l’esercizio di un potere meramente discrezionale, non censurabile in sede di legittimità, rendendo pertanto inammissibile il ricorso per cassazione proposta per tale motivo.

La norma in parola, infatti, trova la sua ragion d’essere nella tolleranza di argomentazioni utilizzate dai difensori delle parti, sanzionandone l’utilizzo, laddove sconvenienti od offensive, poiché lesive dell’onore e del decoro.

La sanzione, come noto, consiste, da un lato, nella cancellazione di tutte le espressioni ritenute sconvenienti od offensive causa e, dall’altro, nell’eventualità di una condanna al pagamento di una somma da liquidarsi in via equitativa a titolo di risarcimento del danno sofferto, anche non patrimoniale.

In ordine a quest’ultima ipotesi, peraltro, non esiste alcun obbligo per il Giudice, ben potendo lo stesso decidere, o non, di “assegnare alla persona offesa una somma a titolo di risarcimento del danno, anche non patrimoniale”.

E’ questa, dunque, la ragione per cui la Cassazione ha confermato il consolidato orientamento  giurisprudenziale formatosi in materia, precisando, ancora una volta, che la condanna pecuniaria si concretizza in un mero esercizio del potere discrezionale del Giudice chiamato a decidere sulla controversia.

1 luglio 2014

(Iliza Ugliano – i.ugliano@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Il caso posto all’attenzione del Tribunale di Mantova pone l’accento sull’applicazione dell’...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

“L’inserimento del ISC nel contratto e nel documento di sintesi assolve ad una funzione merament...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

In materia di notificazioni al difensore, a seguito dell’introduzione del domicilio digitale, cor...

Diritto Processuale Civile

X