Diritto dell'Esecuzione Forzata

Esiguo valore del credito da recuperare: inammissibilità dell’azione esecutiva

Cass., Sez. III, 15 dicembre 2015, n. 25224  

Nella sentenza in commento, la Corte di Cassazione è arrivata ad affermare che l’azione esecutiva promossa per il recupero di una somma troppo esigua (nel caso di specie Euro 8,58), configura contrarietà a buona fede, nonché abuso del processo.

Nel caso di specie era stato promosso un pignoramento presso terzi, iscritto a ruolo, successivamente al quale il soggetto esecutato ha provveduto a pagare la somma precettata, rimanendo però insoddisfatto un credito pari ad Euro 8,58. In ogni caso la procedura esecutiva è proseguita sino a giungere ad ordinanza di assegnazione del G.E. con cui si liquidavano anche le spese del processo esecutivo, ma con il rigetto dell’istanza di sospensione dell’opponente assicuratrice e fissazione di termine per l’introduzione del giudizio di merito sull’opposizione.

La ratio decidendi della sentenza in oggetto dunque risiede in quanto già affermato in precedenza da parte della stessa Corte con sentenza del 3 marzo 2015 n. 2015 nella quale si affermava che il diritto del creditore “non può ricevere tutela giuridica se l’entità del valore economico è oggettivamente minima e quindi tale da giustificare il giudizio di irrilevanza giuridica dell’interesse stesso”.

E’ dunque certamente valido il principio per cui il soggetto ha diritto al pieno e completo soddisfacimento delle sue ragioni, tuttavia la sentenza in commento richiama la precedente giurisprudenza la quale esige che il creditore adduca delle specifiche circostanze che abbiano condotto lo stesso a non invitare il debitore a pagare spontaneamente l’importo irrisorio dovuto. Sussiste quindi in generale un onere del creditore a sollecitare il debitore ad un adempimento spontaneo del modesto residuo credito prima di procedere esecutivamente.

11 febbraio 2016

Andrea Madaroa.madaro@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Attento a come quereli, il falso va provato!

Con una recentissima ordinanza, il Tribunale di Arezzo è intervenuto nel dibattito giurisprudenzial...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

La Corte di Cassazione ha chiarito il rapporto temporale sussistente tra l’interesse ad agire e la...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

Il Tribunale di Milano ha ritenuto la copia per immagine della procura speciale notarile, con la qua...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X