Credito Al Consumo

Esecutorietà irrevocabile se il consumatore non comunica la variazione di indirizzo indicata in contratto

Trib. Nocera Inferiore, ordinanza del 19 febbraio 2016

Gli odierni opponenti non hanno provato di aver comunicato alla società opposta la variazione di indirizzo per metterla in condizione di eseguire comunicazioni e notifica in relazione al contratto di finanziamento, e quindi in virtù del principio di affidamento e buona fede nell’esecuzione del contratto, l’attività deve giudicarsi corretta e legittima”.

Con tale motivazione, il Tribunale di Nocera Inferiore ha ritenuto non sussistere i motivi di revoca della già concessa esecutorietà di un decreto ingiuntivo, opposto tardivamente ai sensi dell’art. 650 c.p.c. dagli ingiunti debitori.

In particolare, gli opponenti tardivi avevano sottoscritto un contratto di credito al consumo con una società finanziaria Cliente dello Studio, indicando nell’accordo un indirizzo di residenza  successivamente modificato, ma mai comunicato alla società di finanziamento.

Di conseguenza, non avendo i debitori avuto contezza del decreto notificato al precedente indirizzo di residenza e, quindi, non avendo potuto presentare opposizione entro il termine di quaranta giorni dalla notifica, ai sensi dell’art. 641 c.p.c., gli stessi, a seguito di notifica dell’atto di precetto conseguito alla dichiarazione di esecutorietà del decreto ingiuntivo non opposto, procedevano ex art. 650 c.p.c., con contestuale richiesta di revoca della esecutorietà del provvedimento medesimo.

Ebbene, il giudice, nel valutare le suddette circostanze, dapprima qualificava come superati e ritenuti inconferenti i vizi meramente formali di notifica ed, in seguito, giungeva a negare la revoca dell’esecutorietà del decreto ingiuntivo opposto.

7 marzo 2016

Biagio Torsellob.torsello@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Il Tribunale di Spoleto con ordinanza resa in sede di ammissione prove, ha ribadito che il disconosc...

Credito Al Consumo

La sentenza Lexitor non sposta i termini della decisione

Anche il Giudice di Pace di Roma, nella persona della Dott.ssa Emanuela Artone, con la recentissima ...

Credito Al Consumo

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Si segnala una recente decisione del Tribunale di Mantova, che nell’esporre in maniera concisa e l...

Credito Al Consumo

X