Diritto dell'Esecuzione Forzata

Errore di stima dell’immobile pignorato, responsabilità del perito

Cass., Sez. III, 18 novembre 2015, n. 18313

La Corte, pronunciando la sentenza in commento, si occupa del tema della responsabilità dello stimatore parificando questi al consulente tecnico d’ufficio con conseguente applicazione dell’art. 64 c.p.c..

Egli  risponderà  direttamente ed in via esclusiva dei danni arrecati a terzi senza beneficiare del regime di responsabilità prevista dalle norme sulla responsabilità dei magistrati.

Di seguito il caso.

In una procedura esecutiva immobiliare, due coniugi si aggiudicano un immobile per euro 232.429,57.

Al fine di pagare il saldo prezzo vendono, in tempi brevi e a prezzo vile, la casa di loro proprietà.

A seguito di ricorso depositato dall’esecutata, il giudice revoca l’aggiudicazione in quanto l’immobile ha un valore ampiamente superiore rispetto al prezzo determinato nella perizia estimativa (euro 814.321,31, a fronte di euro 232.429,57). I coniugi citano in causa lo stimatore nonché il Ministero della Giustizia per i danni  loro causati dalla svendita della loro abitazione. Il Tribunale accoglie la domanda e condanna lo stimatore al pagamento di euro 110.000,00 (pari all’effettivo deprezzamento dell’immobile venduto dai coniugi), rigetta invece la domanda contro il Ministero.

A riforma parziale della sentenza di primo grado, la Corte di Appello di Roma riconosce un concorso di colpa dei coniugi, riducendo la condanna ad euro 55.000,00.

La questione arriva in Cassazione che conferma nel merito la sentenza di Appello.

La Suprema Corte afferma che lo stimatore nelle espropriazioni forzate è parificato al consulente tecnico d’ufficio e che allo stesso si applicheranno le disposizioni che regolano il consulente tecnico d’ufficio compreso l’art. 64 c.p.c. La disposizione non prevede ipotesi di responsabilità solidale del consulente con il Ministero della Giustizia, egli sarà responsabile nei confronti degli aggiudicatari per tutte le informazioni non corrette relative alla consistenza immobiliare, al valore immobiliare, cosicché gli aggiudicatari potranno rivalersi verso costui.

22 gennaio 2016

Roberta Pisanor.pisano@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il deposito cauzionale equivale a consegna materiale

L’intervento del creditore nell’esecuzione non perde efficacia nell’ambito dell’espropriazio...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

Attento a come quereli, il falso va provato!

Con una recentissima ordinanza, il Tribunale di Arezzo è intervenuto nel dibattito giurisprudenzial...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

La Corte di Cassazione ha chiarito il rapporto temporale sussistente tra l’interesse ad agire e la...

Diritto dell'Esecuzione Forzata

X