Diritto Processuale Civile

Effetti della notifica della citazione a persona deceduta

Cass., 6 giugno 2013, Sez. I, n. 14360 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in oggetto ha confermato quanto già più volte dichiarato dalla giurisprudenza, ovvero che l’atto di citazione introduttivo di un giudizio, notificato a persona già deceduta, è inficiato da inesistenza giuridica.

Infatti, poiché la capacità giuridica si estingue con la morte della persona fisica, ne discende che la notificazione eseguita al deceduto determina il venir meno dei “presupposti necessari per produrre l’effetto di certezza giuridica, costituente lo scopo del giudicato“.

Da ciò consegue che qualora, nonostante l’inesistenza della notifica iniziale, il giudizio sia proseguito, sono affette da nullità insanabile, sia la sentenza di primo grado, sia quella di appello, e la relativa invalidità può essere rilevata d’ufficio in qualunque stato e grado del procedimento.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Mario Valentino vs. Valentino

Il decreto legge approvato giovedì 22 luglio dal Consiglio dei ministri dispone che, fino al 31 di...

Diritto Processuale Civile

Costruzione di nuovi edifici: la relazione energetica non vincola l’appaltatore

La Corte di Cassazione con recente pronuncia ha confermato i principi relativi alla notifica effett...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

In caso di riunione per continenza di due cause pendenti innanzi al medesimo giudice, le preclusion...

Diritto Processuale Civile

X