European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

L’European Banking Authority (l’“EBA”) ha pubblicato un parere (il “Parere”) indirizzato alla Commissione europea relativo all’efficacia della Direttiva 2002/65/CE concernente la commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori (“Distance Marketing of Financial Services Directive” “DMFSD”).

Il Parere riguarda l’adeguatezza degli obblighi informativi, previsti dalla DMFSD, nei confronti dei clienti, consumatori, circa i prodotti e i servizi finanziari proposti attraverso i canali di commercializzazione digitale.

L’EBA evidenzia preliminarmente che, al fine di consentire ai consumatori di prendere decisioni informate e consapevoli sui prodotti e servizi finanziari, questi dovrebbero avere accesso, al momento più opportuno, a informazioni specifiche, attraverso mezzi adeguati, che spieghino caratteristiche e costi dei prodotti per tutta la durata degli stessi. Tale esigenza si sente tanto nel caso in cui i prodotti e i servizi siano commercializzati alla presenza fisica e simultanea del fornitore e del consumatore, quanto più al caso in cui vengano commercializzati a distanza.

In particolare, il Parere si concentra sulle seguenti tematiche:

  • portata e coerenza delle regole di disclosure, in relazioni alle quali l’EBA ha evidenziato la necessità di rivedere i requisiti di disclosure previsti dalla DMFSD, alla luce delle eventuali sovrapposizioni e incoerenze con gli obblighi informativi, contenuti in altre direttive o regolamenti europei, relativi a particolari prodotti;
  • tempistica della disclosure, con particolare riferimento alla quale auspica un’integrazione della DMFSD volta a precisare quali siano i requisiti di disclosure e le tempistiche con cui fornire le informazioni, in particolare nell’ipotesi in cui i servizi siano commercializzati attraverso i canali digitali;
  • formato delle informazioni, in merito ad esse l’EBA fornisce alcune indicazioni pratiche, utili a predisporre dei format dei documenti chiari e non fuorvianti dal punto di vista della grafica e del design;
  • informazioni precontrattuali, rispetto alle quali si sottolinea l’importanza di specificare nella DMFSD quali siano i supporti durevoli da utilizzare per fornirle in relazione ad ogni specifico canale di comunicazione a distanza utilizzato;
  • accessibilità e effettività delle informazioni, che devono poter essere scaricate e salvate dai consumatori, in modo da poterle successivamente consultare sui propri dispositivi. Inoltre, i fornitori di servizi dovrebbero essere tenuti a utilizzare mezzi di comunicazione proporzionati alla complessità dei servizi offerti, quali chat, anche automatizzate, Q&As e strumenti interattivi;
  • monitoraggio, cui i fornitori devono essere tenuti in relazione agli obblighi di disclosure, in particolare raccogliendo i feedback dei consumatori e fornendo riscontro ai loro reclami.

In conclusione, in relazione alle tematiche di cui sopra, l’EBA formula una serie di proposte di modifica della DMFSD alla Commissione europea.

Isabella Frisoni – i.frisoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ascolta il nostro podcast IusPod – tutto il diritto che conta a questo link.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso gennaio il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame preliminare, il decreto legislati...

Direttive Comunitarie

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 134 del 26 maggio 2020 è stato pubblicato il D.Lgs. 8 aprile 2020, n. 3...

Direttive Comunitarie

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Nella Gazzetta ufficiale n. 6 del 9 gennaio 2020 è stato pubblicato il D.Lgs. 25 novembre 2019, n. ...

Direttive Comunitarie

X