Contratti Bancari

E’ sempre possibile la richiesta di dati personali alla banca

La richiesta di dati personali non necessita di motivazione, potendo anche essere rivolta a tutelare un interesse patrimoniale

Con provvedimento del 31.01.2013, il garante per la protezione dei dati ha, prima di tutto, osservato che occorre distingue tra l’accesso a documenti contenenti dati bancari, che possono riguardare anche soggetti diversi dall’interessato, richiesto ex art. 119 TUB e le istanze volte ad ottenere la comunicazione in forma intellegibile dei dati personali riferiti all’interessato contenuti negli stessi documenti, avanzate a norma degli artt. 7 e 8 del Codice della Privacy.

Il garante ha, dunque, aggiunto che la richiesta di dati personali non necessita di motivazione, potendo anche essere rivolta a tutelare un interesse patrimoniale, e, pertanto, le banche sono tenute a fornirli indipendentemente dalla loro finalità.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Chi è onerato della prova non usi gli scalari

Il Tribunale di Torino, nella pronuncia in commento, ha affrontato un tema recentemente posto all’...

Contratti Bancari

Il gioco delle parti nella verifica dei crediti

L’asserita violazione dei dettami di trasparenza riconnessi ad una presunta distorsione dell’Ind...

Contratti Bancari

Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

“Ai fini della segnalazione a sofferenza la nozione di insolvenza che si ricava dalle Istruzioni e...

Contratti Bancari

X