Contratti Bancari

Domanda di accertamento negativo ed onere alla prova

Cass., 12 luglio 2013, Sez. I, n. 17263 (leggi la sentenza per esteso)

La sentenza in oggetto merita di essere segnalata poiché, tramite la stessa, i giudici di legittimità hanno recentemente ribadito alcuni principi in tema di onere alla prova, allorché un soggetto agisca in giudizio per ottenere l’accertamento dell’effettivo saldo di conto corrente.

Ebbene, secondo la Suprema Corte, l’attore non può limitarsi ad affermare di nulla dovere o di dovere somme inferiori rispetto a quelle pretese dalla banca, ma deve muovere addebiti specifici e circostanziati, fornendo le opportune prove a supporto.

Da ciò discende che il potere conferito al giudice dall’art. 210 c.p.c., di ordinare ad una delle parti o ad un terzo l’esibizione di documenti, può essere disposto “soltanto se la parte non possa assolvere con altro mezzo l’onere probatorio”. Allo stesso modo, la C.T.U. contabile non costituisce un mezzo di prova, ma esclusivamente un ausilio per l’organo giudicante, per valutare “fatti già provati dalla parte che a richiede, in base ai principi generali di cui all’art. 2697 c.c., e non può essere dunque utilizzata come mezzo per esonerare la parte dall’onere alla prova”.

28 novembre 2013

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Indeterminatezza del tasso, il contratto è comunque salvo

È legittimo, da parte della banca che eroga un prestito, segnalare alla Centrale Rischi Finanziari ...

Contratti Bancari

Chi è onerato della prova non usi gli scalari

I giudici di merito mostrano di aver tenuto prontamente in considerazione quanto recentemente statui...

Contratti Bancari

Fideiussore legale rappresentante della Società garantita

“La concorrenza va tutelata nei confronti del cliente e non già nei confronti del fideiussore, ch...

Contratti Bancari

X