Diritti reali e condominio

Divieto di vendere, per il singolo condomino, un corridoio ad uso condominiale

Cass., 29 gennaio 2015, n. 1680 (leggi la sentenza)

Con la sentenza n. 1680/15 della Corte di Cassazione è stato ribadito il principio per cui l’art. 1117 c.c. contiene un elenco meramente esemplificativo e privo di tassatività in merito a quali siano effettivamente le parti comuni.

Nel caso di specie la Cassazione rilevava come, benché in tale articolo non si faccia riferimento ai corridoi di accesso ad alcune unità immobiliari di un fabbricato condominiale, si possano, comunque, ritenere gli stessi parti comuni, ai sensi dell’art. 1117 c.c., se da un’indagine emerge che tale bene abbia un’oggettiva ed indubbia destinazione al servizio di più unità private individuali.

Sulla base di tale premessa, e di tale positiva indagine, la Corte disponeva, quindi, il divieto di vendere il corridoio senza il consenso di tutti i condomini.

17 febbraio 2015

Walter Pirracchio – w.pirracchio@lascalaw.com

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Vado a stare da papà

L’individuazione dell’esatto confine tra proprietà limitrofe non può prescindere dall’esame ...

Diritti reali e condominio

L’assenza di preventivo non esclude il diritto al compenso dell’avvocato

Nell'ipotesi di recesso unilaterale del committente dal contratto di appalto, ai sensi dell'art. 16...

Diritti reali e condominio

La domanda giudiziale che abbia ad oggetto il mero accertamento di un diritto di per sé insuscettib...

Diritti reali e condominio

X