Diritto Processuale Civile

Diffida ad adempiere e procura scritta

Tribunale Varese, 22 maggio 2012 (leggi la sentenza per esteso)

Il Tribunale di Varese ha affermato che la diffida ad adempiere deve equipararsi ai contratti e, pertanto, richiede il rilascio di una procura scritta da parte del creditore. In difetto, secondo il G.U., la stessa è affetta da nullità, tranne nell’ipotesi in cui il rappresentante che ha sottoscritto la diffida è lo stesso al quale la parte intimante ha poi rilasciato apposita delega alle liti per promuovere il giudizio nei confronti della parte inadempiente.

(Simona Daminelli – s.daminelli@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

Il caso posto all’attenzione del Tribunale di Mantova pone l’accento sull’applicazione dell’...

Diritto Processuale Civile

Regolamento di giurisdizione e Pubblica Amministrazione

“L’inserimento del ISC nel contratto e nel documento di sintesi assolve ad una funzione merament...

Diritto Processuale Civile

Controparte perdente rimborsa consulenza vincente

In materia di notificazioni al difensore, a seguito dell’introduzione del domicilio digitale, cor...

Diritto Processuale Civile

X