Crisi e procedure concorsuali

Dichiarazione di fallimento di una Onlus

Cass., 13 luglio 2011, Sez. VI, n. 15428

Massima: “L’associazione non riconosciuta (nella specie, onlus), la quale, sebbene non iscritta nel registro delle imprese, abbia cessato da oltre un anno l’attività di impresa in precedenza esercitata, non è più soggetta alla dichiarazione di fallimento, in quanto, ai sensi del secondo comma dell’art. 10 l. fall., come modificato da D. Lgs. 12 settembre 2007, n. 169, anche per gli imprenditori mai iscritti nel registro sussiste la possibilità di dimostrare la data di conoscenza da parte dei terzi della effettiva cessazione dell’attività, restando pur sempre necessario, in difetto di forme di pubblicità legale, contemperare l’affidamento dei terzi e la necessità di dare stabilità ai rapporti giuridici e di evitare di lasciare “sine die” aperta la possibilità di dichiarazione di fallimento di una impresa in realtà cessata” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

La Corte di Cassazione si è espressa in tema di applicabilità del disposto di cui all’art. 168, ...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

I giudici di Merito utilizzano il codice della crisi per rimodulare la definizione di “atti in fro...

Crisi e procedure concorsuali

Ipoteca: tutto è immobile finché l’immobile rimane…immobile

La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile la questione di legittimità costituzionale soll...

Crisi e procedure concorsuali

X