Crisi e procedure concorsuali

Dichiarazione di fallimento di una Onlus

Cass., 13 luglio 2011, Sez. VI, n. 15428

Massima: “L’associazione non riconosciuta (nella specie, onlus), la quale, sebbene non iscritta nel registro delle imprese, abbia cessato da oltre un anno l’attività di impresa in precedenza esercitata, non è più soggetta alla dichiarazione di fallimento, in quanto, ai sensi del secondo comma dell’art. 10 l. fall., come modificato da D. Lgs. 12 settembre 2007, n. 169, anche per gli imprenditori mai iscritti nel registro sussiste la possibilità di dimostrare la data di conoscenza da parte dei terzi della effettiva cessazione dell’attività, restando pur sempre necessario, in difetto di forme di pubblicità legale, contemperare l’affidamento dei terzi e la necessità di dare stabilità ai rapporti giuridici e di evitare di lasciare “sine die” aperta la possibilità di dichiarazione di fallimento di una impresa in realtà cessata” (leggi la sentenza per esteso)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
A volte ritornano: il conflitto di interessi dell’amministratore di società

In tema di operazione di anticipo su fatture regolata in conto corrente, rappresenta una modalità ...

Crisi e procedure concorsuali

Accertamento dell’insolvenza: fatti diversi…sentenza diversa!

Con la pronuncia in commento, il Tribunale di Varese, facendo applicazione dell’orientamento già...

Crisi e procedure concorsuali

La Cassazione è tornata nuovamente a fare chiarezza sul tema delle domande di ammissione ultratard...

Crisi e procedure concorsuali

X