Crisi e procedure concorsuali

Data certa e contratto di leasing

Cass., 24 ottobre 2012, Sez. I, n. 18191

Massima: “Il curatore conserva la posizione di terzietà verso i creditori del fallito e quelli della massa, così venendo legittimato a sollevare l’eccezione circa la certezza della data ex art. 2704 c.c. delle scritture private poste a fondamento delle domande relative allo stato passivo, ancorché all’epoca della dichiarazione di fallimento fosse pendente un contratto (nella specie, di leasing) rispetto al quale il giudice delegato aveva fissato al curatore stesso il termine per esercitare la facoltà di subentro ex art. 72 l.fall. e tale organo si fosse sciolto, nulla comunicando. Tale circostanza attiene invero non alle modalità comportamentali delle parti contraenti, bensì alla scrittura che ne consacra il contenuto: poiché il dato che render certa l’ anteriorità del documento deve essere obiettivo, dunque acclarato nella sua storicità e da provare a cura della parte, la citata pendenza non risulta sufficiente o rilevante.”

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche

La Cassazione torna ad esprimersi sulla questione del termine per insinuare al passivo i crediti sor...

Crisi e procedure concorsuali

Contratto preliminare e fallimento del promittente venditore

Il Tribunale di Roma è tornato sul tema della prescrizione dei crediti ammessi a procedure concorsu...

Crisi e procedure concorsuali

Not in my name: il falsus procurator di società di capitali

Quando la società è in stato di liquidazione, sulla base di quali criteri il giudice deve effettua...

Crisi e procedure concorsuali

X