Responsabilità Civile

Danni cagionati da una strada pubblica

Cass., 28 settembre 2012, Sez. III, n. 16540 (leggi la sentenza per esteso)

La Suprema Corte ha cassato la sentenza del Tribunale di Cagliari n. 401/2006 che aveva accolto l’appello del Comune di Cagliari, rigettando la domanda risarcitoria  avanzata da un motociclista, caduto per la presenza di ghiaia sull’asfalto di una strada comunale.

In particolare, la Cassazione ha ritenuto che il Tribunale avesse fatto discendere erroneamente  l’inapplicabilità dell’art. 2051 c.c. in modo automatico “dall’estensione della rete viaria e dall’uso da parte della collettività”.

Ribadendo il consolidato orientamento in materia, la Cassazione ha sottolineato che “l’estensione della strada e l’uso generale di essa da parte della collettività rilevano nell’indagine che il giudice è tenuto a compiere caso per caso per verificare se l’esercizio del potere di controllo e di vigilanza da parte dell’ente che ne è il proprietario sia risultato in concreto possibile, dovendo altrimenti escludersi il rapporto di custodia e ritenersi non configurabile la responsabilità di cui all’art. 2051 c.c.”

L’applicabilità o meno dell’art. 2051 c.c., pertanto, deriva dalla concreta esistenza della possibilità o meno di esercitare il potere di controllo e di vigilanza sulla cosa.

(Maria Valeria De Leo – v.deleo@lascalaw.com)

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Vado a stare da papà

La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso di un supermercato a cui era stato ingiunto il pagame...

Responsabilità Civile

Vado a stare da papà

Con l’ordinanza n. 27703/20, depositata il 3 dicembre, la Corte di Cassazione ha definito i limiti...

Responsabilità Civile

Con una recente ordinanza, la Corte di Cassazione è tornata a trattare il tema, sempre attuale, del...

Responsabilità Civile

X