European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Dall’ESMA aggiornamenti alle Q&A sulla MiFID II e la tutela degli investitori

In data 18 febbraio 2020, l’European Securities and Markets Authority (“ESMA”) ha aggiornato le proprie Questions and Answers (“Q&A”) di attuazione della Direttiva 2014/65/UE (c.d. “MiFID II”) e del Regolamento (UE) n. 600/2014 (c.d. “MiFIR”) in materia di tutela degli investitori (di seguito, le “Q&A”).

Come precisato dall’ESMA, lo scopo delle Q&A è quello di promuovere approcci e pratiche di vigilanza comuni nell’applicazione della MiFID II e della MiFIR.

In particolare, l’aggiornamento in esame riguarda la corretta applicazione, in conformità a quanto previsto dalla MiFID II, dell’art. 44-bis della Direttiva (UE) 2019/879 (c.d. “Bank Recovery and Resolution Directive II” o “BRRD II”), riguardante la vendita ai clienti al dettaglio di passività ammissibili subordinate (c.d. “Subordinated Eligible Liabilities” o “SELs”).

L’art. 44-bis della BRRD II, infatti, ha introdotto nuovi requisiti e condizioni per la vendita ai clienti retail di SELs, inerenti alla valutazione di adeguatezza a norma dell’art. 25 della MiFID II e ai limiti di investimento in tali strumenti rispetto al portafoglio del cliente al dettaglio.

Pertanto, le Q&A in oggetto forniscono indicazioni pratiche per l’applicazione dell’art. 44-bis della BRRD II e dei requisiti della MiFID II richiamati dalla norma stessa.

Nel dettaglio, l’ESMA fornisce chiarimenti su:

  • le vendite di SELs e la valutazione di adeguatezza dell’operazione a norma dell’art. 25 della MiFID II;
  • l’applicazione dell’art. 44-bis della BRRD II limitatamente all’ipotesi in cui sia l’impresa che vende tali strumenti finanziari a proporre al cliente l’investimento;
  • le informazioni che il venditore deve raccogliere dai clienti retail per conformarsi a quanto previsto dall’art. 44-bis, paragrafi 1 e 2, della BRRD II;
  • il calcolo del limite del 10% del portafoglio di strumenti finanziari del cliente previsto per l’acquisto di SELs dall’art. 44-bis, paragrafo 1, lett. a), della BRRD II;
  • l’ipotesi in cui un’operazione relativa a passività subordinate ammissibili è ritenuta inadeguata dall’impresa, a seguito della valutazione ex art. 25 della MiFID II, ma il cliente al dettaglio desidera procedere comunque;
  • il monitoraggio del limite del 10% del portafoglio del cliente di cui sopra.

Infine, si segnala che la BRRD II entrerà in vigore il 28 dicembre 2020 e che, secondo tale Direttiva, gli Stati membri potranno introdurre alcune deroghe alla disciplina ivi prevista e, in particolare, ai paragrafi 5 e 6 dell’art. 44-bis.

Isabella Frisoni – i.frisoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Mario Valentino vs. Valentino

La Consob, con provvedimento del 25 marzo, ha deciso di concedere agli intermediari una proroga di 6...

Vigilanza

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Banca d’Italia, a seguito del D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (“Cura Italia”), ha emanato una precis...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Con comunicato del 20 marzo 2020, la Banca d'Italia ha annunciato una serie di misure volte ad agevo...

Vigilanza

X