European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

CRR: emanate dalla Commissione nuove norme tecniche di regolamentazione sui deflussi aggiuntivi di liquidità

E’ stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea dell’8 febbraio 2017 il Regolamento delegato (UE) 2017/208 della Commissione, del 31 ottobre 2016 (il “Regolamento”), che integra il Regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio (“CRR”) per quanto riguarda le norme tecniche di regolamentazione per i deflussi aggiuntivi di liquidità corrispondenti al fabbisogno di garanzie reali risultante dall’impatto di uno scenario di mercato negativo sulle operazioni dell’ente in strumenti derivati.

Nello specifico, nel Regolamento delegato adottato dalla Commissione prevede quanto segue.

  • Articolo 1

Rilevanza delle operazioni di un ente in strumenti derivati

Le operazioni di un ente in strumenti derivati sono considerate rilevanti ai fini dell’articolo 423, paragrafo 3, primo comma, del regolamento (UE) n. 575/2013, se in qualsiasi momento nel corso dei due anni precedenti il totale degli importi nozionali di tali operazioni ha superato il 10 % dei deflussi netti di liquidità di cui all’articolo 412, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 575/2013.

Ai fini del paragrafo 1, i deflussi netti di liquidità sono calcolati senza la componente del deflusso aggiuntivo di cui all’articolo 423, paragrafo 3, primo comma, del regolamento (UE) n. 575/2013.

Articolo 2

Calcolo del deflusso aggiuntivo corrispondente al fabbisogno di garanzie reali risultante dall’impatto di uno scenario di mercato negativo sulle operazioni dell’ente in strumenti derivati

Il deflusso aggiuntivo corrispondente al fabbisogno di garanzie reali risultante dall’impatto di uno scenario di mercato negativo sulle operazioni dell’ente in strumenti derivati considerate rilevanti in applicazione dell’articolo 1 del presente regolamento è pari al massimo flusso netto assoluto di garanzie reali su periodi di 30 giorni verificatosi nel corso dei 24 mesi precedenti la data del calcolo del requisito in materia di copertura della liquidità di cui all’articolo 412, paragrafo 1, del regolamento (UE) n. 575/2013.

Gli enti possono trattare su base netta gli afflussi e i deflussi delle operazioni solo quando sono eseguite nell’ambito dello stesso accordo tipo di compensazione. Il valore netto assoluto del flusso di garanzie reali si basa sia sui deflussi che sugli afflussi verificatisi e la compensazione è calcolata a livello di portafoglio dell’ente.

Il Regolamento, obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri, entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

Luca Bettinelli l.bettinelli@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Nuove regole per l’accesso alla Centrale Rischi in consultazione

Banca d’Italia, con provvedimento del 16 febbraio 2021 (il “Provvedimento”), ha emanato il sec...

Vigilanza

Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

Lo scorso 29 gennaio, in risposta alle questioni emerse a seguito della pandemia da Covid-19, l’EB...

Coronavirus

Mario Valentino vs. Valentino

In data 20 gennaio 2021, Banca d’Italia ha sottoposto a pubblica consultazione lo schema di Dispos...

Vigilanza

X